INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Venti anni dall’istituzione dell’elisoccorso in Abruzzo: nel ricordo delle vittime dell’elicottero 118

Una serata-ricordo delle vittime dell’elicottero del 118, incidente avvenuto il 24 gennaio 2017, si terrà domani all’Aquila, in occasione del ventennale dell’istituzione dell’elisoccorso in Abruzzo. La ricorrenza dei 20 anni dall’attivazione del servizio, tuttavia, non sarà di carattere celebrativo perché nell’animo di tutti aleggia, incancellabile, la tragedia di Campo Felice, in cui persero la vita il medico Walter Bucci, l’infermiere professionale Giuseppe Serpetti, il pilota Gianmarco Zavoli, il tecnico elicotterista Mario Matrella, il tecnico del soccorso alpino Davide De Carolis e lo sciatore romano Ettore Palanca.

 

 

 

«Ci apprestavamo a ricordare la ricorrenza del ventennale con l’organizzazione di un evento celebrativo ma quello che è successo il 24 gennaio 2017 – dichiara il dottor Gino Bianchi, direttore del servizio 118 della Asl – ci ha proiettato tutti in una diversa dimensione.  Si è allora deciso di organizzare non una ricorrenza celebrativa ma una serata ricordo in omaggio alle vittime, dando la possibilità a chiunque di intervenire».

 

 

L’appuntamento è per domani, martedì 11 dicembre, con inizio alle ore 18 e 30, all’Auditorium Renzo Piano, alla presenza, oltreché del dottor Bianchi, del Manager della Asl Rinaldo Tordera, del sindaco Pierluigi Biondi e di altri rappresentanti istituzionali. Previsto un aperitivo e, alle ore 21, un concerto da Camera aquilana (maestro Carmine Gaudieri), con brani di musica classica (Bach, Mozart, Rossini e Tosti).  Ingresso libero.

 

 

 

Fonte: Ufficio Stampa Asl 1

 

 

Foto di: Il Capoluogo

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Influenza stagionale, la parola agli esperti: focus sulla Marsica

Kristin Santucci

Assessore in visite alle case Ater della Valle Roveto: qual è lo stato di salute degli immobili?

Gioia Chiostri

Plus Ultra, il futuro si costruisce tra i pali: tra solide riconferme in porta e nuove leve da formare

Gioia Chiostri