INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica PRIMA PAGINA SLIDE TV

Vendita Villino Cimarosa, “Operazione illogica”

" Il Comune di Avezzano si è disfatto dello storico edificio"

Ancora polemica ad Avezzano circa la vendita del Villino Cimarosa.

“Imbarazzante! Non c’è altro termine per definire quanto emerso dalla conferenza  stampa fortemente voluta dall’Amministrazione Comunale di Avezzano per “celebrare” la vendita del Villino Cimarosa, con la presenza, più compiacente che convinta,  della Fondazione Carispaq”.

Si legge nella nota a firma del consigliere comunale Goffredo Taddei.

“In sostanza, – prosegue- con gran clamore, si è voluto sottolineare che il Comune di Avezzano si è disfatto dello storico edificio vendendolo alla Fondazione Carispaq che provvederà alla sua ristrutturazione.

Operazione illogica e inspiegabile quella messa in essere dall’attuale maggioranza cittadina, dal momento che la medesima Fondazione con nota ufficiale fatta pervenire al Comune di Avezzano si era impegnata a ristrutturare il Villino, però lasciandone la proprietà alla Città, consentendole così di mantenere nel proprio patrimonio una delle sue pochissime memorie storiche

Tanto più che, l’Amministrazione comunale, con Delibera di Consiglio dell’Aprile 2019 (Amministrazione De Angelis) –  votata all’unanimità, quindi anche da buona parte dei Consiglieri che costituiscono l’attuale maggioranza, compreso il Sindaco sospeso e il Vice Sindaco Di Berardino – aveva ovviamente ed immediatamente recepito la volontà della Fondazione….e sarebbe stato da pazzi non farlo!

Nonostante sia stato espressamente richiesto, nessuno dei presenti ha saputo o potuto argomentare su questo improvviso ed immotivato cambio di rotta; ci hanno provato, ma senza essere convincenti, i rappresentanti della Fondazione che hanno scaricato, anche in modo poco elegante, la responsabilità di questo dietro front sulla contrarietà di alcuni consiglieri marsicani della Fondazione, dei quali a questo punto sarebbe opportuno conoscere nomi ed opinioni.

La realtà è che oggi la Città ha perso la proprietà di un luogo che negli anni è divenuto testimonianza di una passato da non dimenticare,  vanificando così l’impegno di uno dei nostri più autorevoli cittadini, l’onorevole Camillo Corradini, che si era battuto per ottenerne l’assegnazione in proprietà alla Città di Avezzano”.

“C’è da chiedersi – conclude – il perché: come ho già dichiarato qualche giorno fa, la tristissima verità è sconcertante e banalmente squallida: pur di non valorizzare il percorso amministrativo intrapreso con successo dalla precedente Amministrazione, si è preferito risolvere il problema spogliandosi della proprietà di una delle pochissime memorie storiche di questa Città…a quando la vendita del castello Orsini?”

Altre notizie che potrebbero interessarti

Il presidente dell’AIA Marcello Nicchi ad Avezzano

Ha incontrato gli arbitri della sezione “G. Ferri”
Redazione IMN

Si ribalta tir carico di polli, Bifernina chiusa al traffico

Illeso conducente. Operazioni recupero e ripristino fino all'alba
Redazione IMN

Pescara, controlli straordinari dei Carabinieri: passati al vaglio 160 mezzi e 250 persone

Redazione IMN