INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Vaccino Johnson & Johnson sospeso negli USA

Arrivate prime 184 mila dosi in Italia

Vaccino Johnson & Johnson sospeso negli Stati Uniti per casi di trombosi. L’Italia ha accolto le prime 184mila dosi del farmaco monodose, che dovrebbe garantire l’accelerazione della campagna di vaccinazione. Ora, il semaforo rosso scattato in America dopo 6 casi di trombosi su circa 6,8 milioni di dosi rischia di avere conseguenze anche da questo lato dell’Oceano Atlantico.

Con il vaccino AstraZeneca raccomandato per gli over 60, l’Italia conta sul vaccino Johnson & Johnson per avvicinarsi e arrivare all’obiettivo di mezzo milione di dosi al giorno. Ora, fatalmente, i piani rischiano di cambiare. “Abbiamo fatto una riunione con i nostri scienziati e chiaramente con l’Agenzia italiana del farmaco, siamo in collegamento con l’agenzia europea Ema e e valuteremo nei prossimi giorni, appena Ema e gli americani ci daranno notizie più definitive, quale sarà la strada migliore. Ma penso che anche questo vaccino dovrà essere utilizzato perché è un vaccino importante”, ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel suo intervento a Porta Porta. Il ministro della Salute ha quindi ribadito come “la scelta statunitense è una scelta precauzionale” e la “scelta di Johnson & Johnson di non immettere immediatamente in commercio il vaccino in Europa è anch’essa una scelta di natura precauzionale. Il nostro auspicio – ha sostenuto Speranza – è di poter al più presto sciogliere questi nodi e usare anche questo vaccino che sarebbe il quarto, e che a noi serve particolarmente”.

“Valuteremo se dare il vaccino” di Johnson & Johnson “contro Covid-19 agli over 60, e lo faremo non appena si potrà riprendere la campagna vaccinale” con questo vaccino, “nel giro di 2-3 giorni, forse anche meno. Se poi si potrà aprire alla somministrazione dal medico di famiglia, in farmacia o nei punti di libero accesso che aumenteranno, lo vedremo”, ha detto a ‘Porta a Porta’ il direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco, Nicola Magrini, ipotizzando una soluzione ‘stile AstraZeneca’.

“Guardiamo a quello che decideranno gli organismi americani – spiega – dopo la segnalazione di sei casi su 7 milioni vaccinati, un rischio di 1 per milione, rarissimo. Anche in questo caso si tratta di donne giovani, tra 18 e 48 anni, potrebbe essere un meccanismo simile a quello del vaccino AstraZeneca”. Basta un caso per milione per bloccare un farmaco? “No – risponde Magrini – sono fiducioso che individuando le categorie a maggior rischio di ammalarsi di Covid grave, i benefici” della vaccinazione “sono assolutamente non confrontabili con questi rischi molto rari”.

Fonte: Adnkronos

Altre notizie che potrebbero interessarti

Arrestato spacciatore a San Benedetto dei Marsi

Redazione IMN

Rotary club Avezzano, Porrini è il nuovo presidente

Venerdì scorso, la cerimonia con il tradizionale passaggio di testimone. Le sue prime parole da ...
Redazione IMN

La Pro Loco di Avezzano riapre i battenti della storica sede in via Corradini

Redazione IMN