INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Vaccini, Paolucci: “Grave stop distribuzione a medici”

Ex assessore Sanità chiede chiarezza e impegni precisi al governatore Marsilio: "Nuova interpellanza"

“I ritardi e l’approssimazione con cui il governo regionale ha trattato la campagna autunnale dei vaccini anti influenzali e il loro approvvigionamento emergono tutti nella nota appena diramata della Asl di Lanciano-Vasto- Chieti che annuncia che a causa della grande richiesta i fornitori hanno sospeso fino a novembre la distribuzione delle dosi, una situazione incredibile, su cui l’esecutivo dovrà rispondere”.

Così il capogruppo regionale Pd Silvio Paolucci che sull’argomento annuncia una nuova interpellanza per conoscere le ragioni e lo stato della campagna sull’intero territorio abruzzese.

Avevamo ragione, basta negligenza, i vaccini non sono neanche nelle farmacie come accade a Pescara, ciò che abbiamo previsto e annunziato in più di un’occasione si è verificato – rimarca l’ex assessore regionale alla Sanità – Al di là degli oggettivi limiti legati al contesto e all’emergenza Covid, in questa regione la programmazione per l’approvvigionamento dei vaccini è stata trattato come se la pandemia non fosse mai esistita. Da mesi abbiamo denunciato che l’Assessorato alla Sanità in Abruzzo era arrivato in ritardo, solo a fine luglio, a dare fornire i dati all’Aric e che avevano sostanzialmente chiesto gli stessi quantitativi degli anni precedenti”.

“Da qui sarà necessaria una nuova interpellanza per comprenderne le ragioni e per capire com’è la situazione sul resto del territorio regionale, così come necessario a questo punto è anche che il presidente Marsilio si rapporti alla quinta Commissione consiliare per illustrare la situazione e come intende operare per porvi immediato rimedio, vista la nuova recrudescenza di contagi. Non è tollerabile che in quinta commissione Il direttore D’Amario insieme all’assessore Verì ci abbiano rassicurato appena qualche giorno fa raccontandoci frottole. I racconti di operatori sanitari e cittadini alle prese con la mancanza delle dosi, ed in attesa di potersi sottoporre a vaccinazioni sono numerosissimi. Chiediamo spiegazioni immediate ed utilizzeremo ogni strumento possibile”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Poste, cittadini in sicurezza con più misure applicate

Negli spazi esterni di pertinenza aziendale antistanti 10 uffici postali, è stata posizionata la ...
Redazione IMN

Ovindoli: è arrivata la nuova ambulanza per la Croce Rossa, in servizio dopo Pasqua

Redazione IMN

Un 2 giugno sottotono? Ci pensa il Castello di Celano

Riapre oggi al pubblico il Castello Piccolomini, tra i più visitati. Sono fruibili dagli utenti, ...
Redazione IMN