INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Università: avviata anche in Abruzzo la riforma per migliorare la vita dello studente

Questa mattina ha avuto luogo l’incontro tra i vari rappresentanti di Regione, Università ed Azienda per il diritto allo studio universitario. L’argomento focale discusso è stato il riordino e la riforma delle Adsu in modo da farne aumentare l’efficienza e poter offrire agli studenti servizi migliori.

Un percorso condiviso tra Regione, Università e Adsu, per razionalizzare e migliorare la ‘quanti-qualità’ dei servizi offerti agli studenti che frequentano gli atenei abruzzesi. L’argomento è stato al centro di una riunione, che si è tenuta questa mattina a Pescara, a cui hanno partecipato i rettori Paola Inverardi, Luciano D’Amico e Sergio Caputi; i presidenti delle Adsu Tonio Di Battista, Pierluigi Beomonte e Paolo Beradinelli; i rappresentanti degli studenti Dario Valeri, Angela Lozzi e Luca Rossi.

L’incontro è stato convocato dal presidente della giunta regionale Luciano D’Alfonso e dall’assessore Marinella Sclocco, alla luce della recente norma nazionale che impone il riordino delle aziende per il diritto allo studio regionali, con l’istituzione di un unico soggetto erogatore (in particolare per quanto riguarda le borse di studio). «Il nostro obiettivo – ha sottolineato D’Alfonso – è stilare una sorta di masterplan collaborativo, che ci permetta di avere un quadro definito dell’attuale situazione delle aziende e consenta di pianificare gli interventi da mettere in campo, così da assicurare uniformità di gestione e omogeneità dei servizi in tutta la regione, nella consapevolezza delle oggettive peculiarità dei diversi territori».

D’Alfonso ha auspicato che questo confronto, in cui saranno coinvolti a pieno titolo i rappresentanti degli studenti, getti le basi per la creazione della nuova infrastruttura regionale per il diritto allo studio.« Il contributo del sistema universitario – ha rimarcato ancora il presidente – è fondamentale per avere contezza di quelle che sono le esigenze, sulle quali la politica è chiamata a reperire le necessarie risorse e ad approvare gli strumenti della governance». Per la Sclocco, la norma nazionale è l’occasione per riformare l’attuale modello delle Adsu, rendendolo più efficiente e rispondente a quelle che sono le aspettative degli studenti. «Perché questi ragazzi – ha puntualizzato – rappresentano non solo un patrimonio di conoscenze e saperi per il futuro dell’Abruzzo, ma sono anche un volano per l’economia delle nostre città».

La Sclocco, per condividere le esperienze di riordino che stanno portando avanti altre Regioni italiane, ha invitato in Abruzzo Carmelo Ursino, presidente dell’associazione nazionale che raggruppa tutte le aziende per il diritto allo studio. L’incontro si terrà a Pescara il prossimo 12 giugno alle ore 13.

Fonte: Abruzzo Comunicazione

Fonte foto: www.corriereuniv.it

Altre notizie che potrebbero interessarti

Deteneva sostanze stupefacenti: denunciato un minorenne ad Avezzano

Redazione IMN

VIDEO. Tagliacozzo, Umberto I: quale la verità? La minoranza convoca un’assemblea pubblica

Kristin Santucci

Tra rapaci, tre lupi ed i segreti dei mongoli, il falconiere d’Abruzzo Giovanni Granati si svela in un film

Gioia Chiostri