INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Tua Abruzzo, il presidente D’Amico: «L’azienda ha fornito risposte concrete ai dubbi dei pendolari»

L’ira dei pendolari assomiglia, questa volta, ad un abituale sketch che oscilla tra il comico ed il drammatico. L’antagonista della scena sembra essere, purtroppo, l’amico autobus che, pian piano, sta minando la fiducia dei suoi cari passeggeri. Lo stress accumulato dal giornaliero viaggio, esplode, di tanto in tanto, contro l’organizzazione delle corse, in particolar modo, lungo la tratta Avezzano-L ’Aquila. A schiarire le nubi dei malumori, però, è voluto scendere in  campo proprio lui: lo stesso vertice della TUA, Società Unica Abruzzese di Trasporto S.p.A. il quale, intervistato, ha scelto di non proferire il classico ‘No Comment’ sulla questione trasporti Marsica, ma ha deciso di colmare alcune lacune d’informazione, con valigette 24ore piene di dati verificati.

E’ elevato il numero delle persone che aspettano, spazientite, dinanzi alla fermata, l’autobus che le porterà a destinazione.  Secondo la versione dei pendolari, infatti, la quantità dei passeggeri sarebbe divenuta nettamente superiore rispetto alla disponibilità dei posti a sedere, ma  il problema sembrava, in un primo momento, essere stato risolto: erano stati programmati, infatti, successivi bis che avrebbero dovuto permettere ai viaggiatori, rimasti fuori ‘posto’ dalla prima fermata, di salire e partire alla volta di casa pochi minuti dopo. Un’altra soluzione efficace, invece, sembrava quella collimante con l’arrivo del mezzo pubblico a due piani.

La cronaca della tratta L’Aquila-Avezzano, del giorno 29 settembre scorso,  però, nonostante le soluzioni proposte, si è macchiata di commenti negativi da parte di chi ne ha subito gli spiacevoli inconvenienti. «Stavo aspettando il bis che l’autista mi aveva assicurato sarebbe arrivato dopo qualche minuto. Ne ho aspettati ben 10 di minuti ma nulla, il vuoto. Poi, un po’ scoraggiata, ho visto arrivare il mio autobus da lontano, ma, la verità, è che avevo aspettato per ben mezz’ora il suo arrivo», testimonia, in questo modo, una ragazza che ha raccontato l’episodio ad altri compagni di viaggio.

«Io non scendo finché non arriva il bis. – Queste sono state, invece, le parole di una signora, urlate contro l’autista del primo autobus che l’aveva invitata a scendere dopo che erano terminati i posti – Non è giusto che, ogni volta che arriva un autobus pieno, devo aspettare il secondo, sempre ritardatario per giunta».

In quello stesso istante, nello stesso mezzo, un giovane studente si è seduto sulle scalette, rifiutandosi di scendere. Dopo essere stato obbligato dall’autista a farlo, il ragazzo infastidito ha risposto: «Scendo solo per rispetto dei passeggeri a bordo».

Si è verificata, inoltre, durante la corsa di ritorno verso Avezzano, la fuoriuscita di un’enorme quantità di fumo dal mezzo a motore, la quale non ha reso più possibile proseguire il viaggio. I passeggeri sono dovuti scendere a causa della mancanza di aria all’interno del pullman e queste sono le parole di una ragazza che ha commentato l’accaduto: «Non si respirava; l’autista, trovandosi dinanzi a tutti, non si era accorto di cosa stava succedendo. Fortunatamente, un signore si è alzato per informarlo e subito dopo siamo tutti scesi nel bel mezzo dell’autostrada. Al freddo, abbiamo aspettato un altro autobus che venisse a prenderci».

Tutti questi episodi, riguardano, però, il periodo che racchiudeva i giorni di riapertura delle scuole, in concomitanza, inoltre, con l’inizio delle lezioni universitarie. In quest’ultimo mese, infatti, si sta notando un miglioramento nell’organizzazione, che va, pian piano, smorzando gli infastiditi commenti dei pendolari.

Il presidente della ‘Tua Abruzzo’, Luciano D’Amico, ha commentato, ascoltato dalla Redazione, che gli imprevisti riportati, corrispondono semplicemente «a dei casi eccezionali». Infatti, dopo essere stato contattato direttamente da InfoMediaNews.it, ha dichiarato: «L’età media dei mezzi  è pari a 12,4  anni rispetto al valore nazionale  in  Italia  che  è  pari  a  13  anni.  Con  questo  semplice  benchmark  è  possibile  intuire  subito come l’età media dei bus in circolazione nella nostra regione è inferiore ai valori di altre regioni che raggiungono  picchi  anche  di  15  anni  ed  8  mesi.  Non  a  caso  l’efficienza  della  flotta  consente all’azienda  di  raggiungere  un  valore  pari  a  99,5  %  di  cosiddetto  ‘effettuato’  su  circa  4.800  corse giornaliere  che  per  noi  rappresenta  il  principale  indicatore  di  efficienza  del  servizio  che  si  ottiene verificando quante corse programmate sono state effettivamente erogate».

Il presidente, ponendo una particolare attenzione sul territorio marsicano, dal quale ha ricevuto maggiori polemiche e puntualizzazioni, inoltre, ha affermato: «Il  territorio  marsicano  è  particolarmente  monitorato  dalla  nostra  società I mezzi Tua, ogni settimana, coprono circa 106 mila chilometri nell’area marsicana, per un totale di quasi sei milioni di chilometri all’anno. In altre parole, Tua garantisce circa 421 corse ogni giorno solo nel territorio marsicano, con una percentuale di realizzazione pari ad oltre il 99 % del programmato. Basti pensare  –  ha aggiunto D’Amico –  che nelle prime tre settimane dalla riaperture delle scuole, su 8901  corse  programmate,  ne  sono  state  realizzate  8881,  cioè  il  99,77%.  Una  percentuale particolarmente lusinghiera se paragonata ai dati nazionali relativi al medesimo periodo».

A seguito della conferenza stampa, svoltasi questa mattina alle ore 10,30 presso la sede centrale Tua di Pescara, inoltre, il presidente ha esaustivamente chiarito, attraverso specifici dati che hanno abbracciato ogni ambito della società di trasporti, le incertezze e le curiosità che si sono, con il tempo, venutesi a creare nei diversi territori della Regione Abruzzo, i quali, usufruiscono, giornalmente ed ampiamente di questo servizio.

 

 

Foto di AUTOBUSWEB

Altre notizie che potrebbero interessarti

Sesta Stracittadina di Avezzano, mai così ricca: sport, sociale, ricordo e molto altro

Alice Pagliaroli

San Giuseppe di Caruscino: conferme per la prossima stagione

La società ha confermato mister Giovarruscio e il collaboratore tecnico Pontessili
Redazione IMN

Operazione ‘Ponte Primo Maggio’ della Polizia a L’Aquila: scatta l’asse della sicurezza dall’Adriatico al Tirreno

Redazione IMN