INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Travel Appeal, menzione speciale per l’Abruzzo: una Regione ‘promettente’

L’Abruzzo? Una regione ‘promettente’ per quanto riguarda la reputazione digitale sotto il profilo dell’accoglienza turistica. E’ quanto emerge dai dati dello studio di Travel Appeal per il Premio Italia Destinazione Digitale, presentato lo scorso fine settimana al Ttg Incontri di Rimini. La rilevazione ha riguardato oltre 110 mila strutture ricettive, oggetto di circa 7 milioni di recensioni e oltre 26 milioni di opinioni espresse dagli ospiti sui portali specializzati TripAdvisor, Booking.com, Expedia, oltre che sui social networks.

E’ la più grande indagine di questo tipo mai condotta per mole e tipologia di dati elaborati. Ebbene, in questo studio, l’Abruzzo ha ricevuto una menzione speciale (l’altra è andata alla Toscana per la tradizione enogastronomica), «che testimonia – si legge in un nota della Regione – come gli sforzi profusi in questi anni sul miglioramento dell’accoglienza turistica stiano producendo i primi effetti concreti».

Nella ricerca l’Abruzzo è stata inserita nel panel dell’Italia meridionale: su un milione e mezzo di recensioni complessivamente analizzate, la media dei ‘sentiment’ positivi è dell’83 per cento. L’Abruzzo, invece, con 74mila recensioni, raggiunge l’84.4 per cento, collocandosi al sesto posto tra le regioni italiane per soddisfazione generale degli ospiti, alle spalle di Basilicata, Valle d’Aosta, Trentino, Umbria e Marche. Sale, invece, al terzo posto tra le regioni più amate dagli stranieri (sempre in termini di soddisfazione generale), con oltre l’81 per cento di ‘sentiment’ positivo, preceduto da Sicilia e Calabria.

 

Fonte AGI      

Foto di ANSA

Altre notizie che potrebbero interessarti

Perdonanza Celestiniana: domani alle 18 la presentazione della Croce del Perdono

Redazione IMN

VIDEO. Prezza: le energie sul decoro urbano verso il sogno del ripopolamento

Kristin Santucci

VIDEO. Primo Consiglio dell’era De Angelis, fatta la Giunta ma i lavori restano a metà

Redazione IMN