INFO MEDIA NEWS
EVENTI NEWS SLIDE TV

Trasacco, verso la costituzione del gruppo di Protezione Civile

Ieri sera, la riunione organizzativa e programmatica all'Auditorium "Taricone" del Comune, alla presenza del sindaco. Lobene: "Abbiamo raggiunto il numero di 25 persone, tra cui anche tanti giovani del paese. Entro fine mese convenzione con Ana".

Erano tanti anni, oramai, che in paese mancava un megafono simile, quello che sa cosa dire nelle avversità e nelle calamità, piccole o grandi che siano. Ieri sera, tra le pareti dell’Auditorium “Pietro Taricone”, a Trasacco, si è svolta un’assemblea pubblica per la creazione e costituzione del Gruppo locale di Protezione Civile. Una novità riscoperta e riportata alla luce grazie all’impegno della comunità. Presente all’assemblea anche il sindaco, Cesidio Lobene che ha seguito i lavori in corso.

“La riunione di ieri sera è andata bene. Abbiamo concluso – dice – l’iter burocratico per la formazione di questa realtà: ora tocca al reperimento delle risorse umane così da metterla in moto. Per adesso, abbiamo riunito 25 persone, tra uomini e donne. Anche tanti giovani – aggiunge il primo cittadino ascoltato dalla Redazione – hanno aderito al progetto”. Un progetto di ampio respiro che punterebbe a far crescere non solo una spalla tecnica dell’Amministrazione e della collettività, in fatto di emergenze e situazioni critiche da gestire, ma anche una grande famiglia di ideali e di principi base del buon vivere civile, formando ragazzi e portando avanti iniziative sociali ed eventi solidali.

Un venerdì 2 ottobre in cui si sono poste le basi per il domani del motore della Protezione Civile a Trasacco. “Stileremo a firmeremo a breve, entro fine mese – conclude Lobene – anche una convenzione ufficiale con l’Ana regionale, vale a dire l’associazione nazionale alpini. Al gruppo di Protezione Civile di Trasacco, poi, verrà assegnato anche un mezzo, un pick up. Le adesioni sono ancora aperte, invito tutta la cittadinanza a partecipare e a farsi voce e corpo della formazione di una spina dorsale indispensabile per una comunità che diventa adulta: quella dell’aiuto, dell’ascolto, dell’attivismo, del coraggio e della messa a disposizione personale per la salute e per il bene dell’altro”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Alternanza scuola-lavoro: Il Cam apre le porte all’I.I.S. di Avezzano

Redazione IMN

Asl, introdotti i pagamenti digitali alla cassa Cup su tutta la Provincia

Redazione IMN

Una giovane donna medico capistrellana da Brescia: “Aiutateci ad aiutare”

Lavoro sotto stress, senza contare le ore effettive passate in ospedale. Una giovane dottoressa ...
Redazione IMN