Spazio Pubblicitario

INFO MEDIA NEWS
NEWS Senza categoria Sociale

Trasacco, due panchine “solidali” per il Parco dedicato a Roberta Salvi

Donate due panchine per il "Parco della memoria" di Trasacco con i proventi di Ruette in Festa. La ragazza è scomparsa prematuramente anni fa.

Le mamme e i papà si potranno sedere tranquillamente all’ombra degli alberi, mentre i bambini di Trasacco potranno giocare liberamente con altalene e scivoli nuovi di zecca. Il nuovo Parco verde di via Garibaldi, però, non è e non sarà mai solo un Parco. Ma molto di più: è un emolumento alla memoria, alla vita stroncata troppo presto, alla non dimenticanza della gioia di esserci al mondo. Questo pomeriggio, due nuove panchine verranno istallate nell’area verde da poco inaugurata e dedicata alla giovane vita spezzata di Roberta Salvi: ragazza venuta a mancare a soli 23 anni, nel 2013, per colpa di una malattia mortale.

Il parco è stato inaugurato precisamente domenica scorsa, tra gli applausi e le lacrime generali. Le due panchine sono state acquistate grazie ai proventi derivati dalla vendita di dolci caserecci durante l’ultima manifestazione di “Ruette in Festa” del 27 agosto scorso. E’ stata l’associazione “Amatori di Trasacco” in sinergia con Confagricoltura ad aver avuto l’idea, che verrà realizzata nel concreto proprio oggi pomeriggio, alle 18.

Hanno collaborato alla realizzazione dell’iniziativa: Pasqualina Ciaffone, Graziella Evangelista, Lucia Catarinacci, Laura Pagnani, Augusta Rosati, Nico e Maria Garofalo, Guido Valentini, Fabio Maceroni, Remigio D’Andrea, Corrado Cambise e Luciano Catarinacci. Nel cerchio della beneficenza, anche Coal, Conad (nella persona di Marco) e Studio Tec di Luigi Babusci.

Un Parco del Ricordo, quindi, che serba tra i suoi fiori e i suoi alberi anche una giostra donata dai ragazzi dell’89, anno di nascita della giovane venuta a mancare ai suoi affetti familiari e amicali davvero troppo presto. A breve, l’Amministrazione comunale istallerà nel Parco anche uno scivolo, in modo da completare e creare un’area verde piena di colori, con l’obiettivo di imprimere per sempre il volto di Roberta nella quotidianità del suo paese natale. “Associazioni del territorio – dice il consigliere comunale Guido Venditti – unite con il Comune per dar vita ad un luogo unico, della memoria, dove poter giocare, pensare, rilassarsi, ma anche emozionarsi ricordando”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

New York City Marathon, la Marsica in viaggio di ritorno

Redazione IMN

L’Aquila, violenza sulle donne: all’Emiciclo una targa per eternizzare il ricordo delle vittime

Redazione IMN

Aggredirono tre ragazzi alla golena sud, arrestato un 17enne

Redazione IMN