INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Terremoto Grecia e Turchia, sale bilancio vittime

Corsa contro il tempo per salvare i sopravvissuti. Morti salgono a 26: 24 vittime in Turchia, 2 a Samos

Si aggrava il bilancio dei morti in Turchia a seguito della forte scossa di terremoto, di magnitudo 7.0, che ieri ha colpito le profondità del mar Egeo, circa 14 km al largo dell’isola greca di Samos.

Ma è la Turchia che registra il bilancio peggiore con almeno 24 morti e 800 feriti, mentre a Samos i morti accertati sono due studenti rimasti travolti dal muro di un edificio crollato.

Il forte sisma – scrive l’Ansa -ha provocato un mini-tsunami con le onde che hanno travolto negozi e abitazioni sulla costa turca.

I soccorritori stamani hanno ripreso a scavare a mani nude tra le macerie alla disperata ricerca di sopravvissuti.

Quando la terra ha cominciato a tremare, nuvole di polvere scura hanno coperto il cielo sopra Smirne, mentre le onde di un mini-tsunami travolgevano negozi e abitazioni sulla costa turca.

Una forte scossa di terremoto, di magnitudo 7.0, ha colpito nelle prime ore del pomeriggio le profondità del mar Egeo, circa 14 km al largo dell’isola greca di Samos.

Una scossa tanto potente da essere avvertita fino a Istanbul e Atene.

Separate da una manciata di miglia, ma da una lunga distanza geopolitica, Turchia e Grecia si sono trovate nuovamente unite da un disastro naturale, come avvenne con la “diplomazia dei terremoti” che nel 1999 avvicinò improvvisamente i due nemici storici.

A pagare il prezzo più alto è stata l’area costiera di Smirne, terza metropoli turca dopo Istanbul e Ankara. Decine sono gli edifici crollati, alcuni dei quali completamente collassati.

Sotto le macerie di una ventina di palazzi i soccorritori si sono affannati fino a tarda sera per cercare di estrarre vivi i numerosi dispersi.

Una disperata corsa contro il tempo, mentre i feriti chiamavano aiuto a voce o inviando messaggi sui cellulari.

Tra le prime a essere salvate, una ragazza emersa in diretta televisiva nazionale da un cumulo di cemento. Le persone soccorse tra le macerie sono in tutto una settantina.

Sul posto le autorità hanno inviato decine di ambulanze e mezzi d’emergenza, mentre missioni di solidarietà partivano dal resto del Paese. Forte allarme ha suscitato anche il mini-tsunami, con onde alte un metro, che ha trasformato il distretto costiero di Seferhisar in uno scenario alluvionato.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Università e Regione: Ieri la firma del protocollo d’intesa a L’Aquila

Redazione IMN

Sequestrate 4500 confezioni di liquido igienizzante

Blitz della Guardia di Finanza nel Teramano
Redazione IMN

Covid-19, Cgil: focus ammortizzatori sociali sulla provincia dell’Aquila

"Si evince chiaramente una condizione di estrema difficoltà del tessuto economico e produttivo del ...
Redazione IMN