INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Teramo, convegno in materia veterinaria per lo studio di LSD e Bluetongue

Il 24 e 25 novembre, l’Istituto zooprofilattico sperimentale Abruzzo e Molise, nella sala convegni del CIFIV di Colleatterrato Alto a Teramo, organizza le giornate studio sulla Dermatite nodulare contagiosa, più nota con il nome inglese Lumpy Skin Disease, e sulla malattia della lingua blu, ovvero la Bluetongue. La Lumpy Skin Disease è una malattia virale dei bovini che può causare ingenti danni economici per la grave debilitazione che determina negli animali colpiti, associata al calo di produzione lattea, infertilità, aborti e danni permanenti nelle pelli. La malattia, endemica in gran parte dell’Africa subsahariana, è stata segnalata per la prima volta al di fuori del continente africano nel 1989 in Israele. Da allora è stata segnalata in Medio Oriente fino alla notifica di focolai in Grecia nell’agosto del 2015 e alla diffusione nel 2016 in Bulgaria, Macedonia, Serbia, Kosovo, Albania e Montenegro.

Il 24 novembre a partire dalle ore 14.00, si terrà un confronto scientifico per valutare la situazione attuale e la diffusione della malattia. Dalle 9.30 del 25 novembre, si svolge la giornata studio sulla Bluetongue per fornire un aggiornamento tecnico-scientifico sulla situazione epidemiologica della malattia in Italia e in Europa, tenendo in considerazione la circolazione di nuovi ceppi virali e fenomeni di riassortimento genomico con i sierotipi classici. La Bluetongue è una malattia trasmessa da un piccolo insetto simile a un moscerino chiamato culicoide, che colpisce gli ovini e i caprini provocandone spesso la morte. L’infezione interessa anche i bovini che in genere non si ammalano, ma possono diffondere la malattia. La lotta alla Bluetongue si basa per lo più sul controllo della movimentazione degli animali (soprattutto bovini) e sulla loro vaccinazione.

L’IZSAM organizza la due giorni in qualità di Centro di Referenza Nazionale (CESME). Le giornate studio sono accreditate ECM con l’attribuzione di 9 crediti formativi per i medico veterinario, chimico, biologo, farmacista e tecnico sanitario di laboratorio biomedico.

Fonte ASIpress

Foto di www.primadanoi.it

Altre notizie che potrebbero interessarti

Salviamo l’orso: installati nuovi recinti dissuasori, tre nella Marsica

Redazione IMN

11 città abruzzesi alla terza “Camminata fra gli olivi”

Il 27 ottobre sono 124 le città italiane che celebrano l’olio extravergine
Redazione IMN

Raccolta del verde, Tekneko attiva ad Avezzano un servizio dedicato nel quartiere di Scalzagallo: consegnati oltre 100 sacchi

Gioia Chiostri