INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS

Tentano di occultare la droga nascosta in un calzino, scattano due denunce

Proseguono incessanti i controlli disposti dal Questore di Teramo sulla costa teramana. In particolare il 18 agosto, durante un servizio di prevenzione e repressione del fenomeno dell’abusivismo commerciale sulla spiaggia di Alba Adriatica, è stato denunciato un cittadino bengalese, privo di documenti, per aver dichiarato false generalità al personale operante. Lo stesso, condotto in Questura per accertamenti, è risultato non in regola sul Territorio Nazionale, per cui è stato espulso con ordine del Questore.

Nella giornata di ieri poi una Volante, nel corso di servizi di prevenzione e controllo del territorio, controllava sul Lungomare Marconi di Alba Adriatica tre cittadini stranieri. Alla vista della Polizia uno di questi, I. W., 30 anni, con mossa repentina, ha gettato a terra un oggetto. Prontamente gli operanti bloccavano gli stessi e recuperavano l’oggetto che risultava essere un calzino con all’interno 5 involucri di cellophane trasparente contenente marijuana, per un peso totale di 10,10 grammi. I tre sono stati sottoposti a perquisizione personale presso il Presidio della Polizia di Stato sito nel Comando di Polizia Municipale di Alba Adriatica, rinvenendo addosso ad un altro dei tre soggetti, O.O., di 23 anni, altri 8 involucri di cellophane contenenti marjuana, il tutto per un peso di quasi 10 grammi. Nel suo portafogli sono stati trovati 400 euro suddivisi in banconote di diverso taglio, tutto sottoposto a sequestro. I due nigeriani, regolari sul Territorio Nazionale, sono stati denunciati a piede libero per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente.

 

 

Fonte ASIpress

Foto di http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it

Altre notizie che potrebbero interessarti

Il secondo turno del torneo “Caput Mundi”

Gol a grappoli nei gironi della Valle Roveto e Ciociaria
Redazione IMN

Seconda Categoria: trionfa la Plus Ultra, Marruvium a valanga, Lo Schioppo frena l’Atletico

Kristin Santucci

Dichiara un reddito inferiore per il gratuito patrocinio

Assolto perché non c’è dolo
Redazione IMN