INFO MEDIA NEWS
Attualità Cultura NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Il teatro “Off Limits” chiude la prima stagione col botto

Il teatro “Off Limits” chiude la prima stagione col botto

Lo scorso 30 maggio si è conclusa con lo spettacolo gratuito “Diviso due”, la prima stagione del teatro “Off Limits” di Avezzano. L’ultima esibizione di e con Alessandro Martorelli e la partecipazione di Antonio Pellegrini e Cristina Biagiarelli è terminata con una standing ovation. Tra gli spettatori, volti noti, come il celebre Edoardo Siravo, ma anche l’Assessore alla cultura Katia Spera, che già in conferenza stampa si era complimentata con i due direttori artistici per il lavoro svolto e l’impegno profuso nel portare avanti il progetto. Lo spettacolo, commissionato dall’AIDO, come campagna di sensibilizzazione alla donazione di organi e tessuti, è diventato uno dei più apprezzati da pubblico e critica nel ventaglio di proposte delle compagnie “Assioma” e “Teatranti tra tanti”.
A fine esibizione i direttori artistici hanno ringraziato tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita di questo progetto tra cui il Sindaco di Avezzano, Gabriele de Angelis, i professionisti ed artisti che si sono lasciati coinvolgere nella fase di promozione e campagna abbonamenti, quali Luca Di Nicola, Massimo Coccia, Ermanno Di Giovanbattista, Lino Guanciale, Alex Scafati; gli official partners, quali l’agenzia “JP EVENTS & Communication” di Iolanda Petricca e la “Moonlight” di Roberto Perugini; il produttore esecutivo Rosario Idrofano; lo staff di produzione, Enrica Di Domenico e Kati Origa; i tecnici audio e luci, Ettore Malandra e Mario Angeloni; il fotografo di sala Marcello De Luca.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo

Redazione IMN

Abruzzo, Parruti: “Pronti ad arrivare almeno a tremila casi”

Parla l'esperto di malattie infettive: “Prevista nuova fase, decisivo aver spento i focolai ...
Redazione IMN

Chiusura ambulatori, Santilli: «Proporrò un confronto tra Tordera e i Sindaci interessati alla problematica»

Redazione IMN