INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Tari più leggera a Celano

L’impegno civico dimostrato dai cittadini celanesi, nel portare avanti il progetto di raccolta differenziata, si è rilevato di fondamentale importanza in vista di una diminuzione della tariffa Tari.

Il consigliere comunale Cinzia Contestabile, delegata al bilancio, informa che la riduzione della Tari è il primo concreto beneficio determinato dall’attivazione del servizio di raccolta differenziata, avviato alla fine del 2013 e che fino ad oggi ha raggiunto una percentuale pari al 65% , grazie soprattutto all’impegno civico e responsabile dei cittadini.

«Dimostrazione questa – prosegue la delegata al bilancio – che le problematiche ambientali e urbane si possono e devono affrontare. Abbiamo raggiunto una percentuale di raccolta differenziata che in pochi immaginavano realizzabile per Celano, bisogna però proseguire su questa strada e fare di più per sensibilizzare chi ancora non rispetta pienamente le regole del vivere civile, nella convinzione che il comportamento di ognuno contribuisca all’immagine di un’intera comunità».

«In considerazione appunto dell’importante  risultato conseguito – aggiunge Cinzia Contestabile – è giunto il momento da parte dell’attuale Amministrazione di contraccambiare l’enorme impegno profuso e di procedere ad un graduale abbattimento della tariffa Tari. Processo di  diminuzione già avviato con la bollettizzazione relativa all’anno 2016 abbattuta del 10% rispetto al 2015. Dimostrazione questa dell’attenta e condivisa linea politica sul taglio dei costi sui rifiuti che proseguirà nel corso del  mandato così come da nostro programma elettorale».

L’impegno e la costanza dei cittadini, dunque, sta per essere premiata a Celano.

Foto di: localidautore.it        

Altre notizie che potrebbero interessarti

Paterno Show, 3-1 al Tortolì e accesso in semifinale

Alice Pagliaroli

I prodotti agricoli salvati dal gelo oggi venduti nei mercati di Campagna Amica di Coldiretti

Redazione IMN

Ambiente, erogati fondi regionali per cinque piattaforme ecologiche

Redazione IMN