INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Tamponi: il calvario di un agente di Polizia Penitenziaria

Sottoposto per 4 volte ai test coronavirus, avendo esiti discordanti

Un agente di Polizia Penitenziaria in servizio al carcere di Sulmona si è sottoposto per 4 volte ai test coronavirus, avendo esiti discordanti. A ripercorre le fasi sanitarie dell’agente è il sindacalista della Uil penitenziaria, Mauro Nardella.

Sottoposto a tampone il 17 novembre 2020 gli viene refertato un esito con la dicitura “dubbio”, salvo poi risultare “negativo” 5 giorni dopo quando viene nuovamente sottoposto a test molecolare. L’11 Gennaio il poliziotto si sottopone, per via del protocollo attivato tra Asl ed Amministrazione Penitenziaria, a nuovo test e stavolta risulta “positivo”.

Per lui nuovamente isolamento domiciliare, sino al 15 gennaio, 4 giorni dopo, quando effettua un altro tampone che però da esito “negativo”. Mauro Nardella afferma che quanto occorso: “ha davvero dell’incredibile. Infatti, per ben due volte si è ritrovato di fronte ad esiti di indagine alla positività al coronavirus completamente contrapposti nel giro di pochissimi giorni”. Nardella conclude: “Questa volta a minare la sua psiche non è solo la paura dei risvolti che una condizione del genere può avere sul suo destino, ma l’incredibile decisione della Asl di non concedergli, pur essendo sempre stato asintomatico, il lascia passare per il suo ritorno al lavoro”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Superbonus 110%: “Strumento prevenzione sismi”

Commissario Ricostruzione ha partecipato ai lavori del convegno nazionale "Superbonus 110%: Abitare ...
Redazione IMN

Avezzano, ‘La città dello sport, del benessere e del tempo libero’ nel bilancio di previsione 2016/18

Redazione IMN

Spadafora: “Tutti gli impegni saranno mantenuti”

Ministro: "Da marzo a dicembre sono stati stanziati dal Governo 641 milioni di euro"
Redazione IMN