INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Stipendi Casa di cura privata Di Lorenzo, esce allo scoperto l’amministratore unico: «Vorrei solo essere ascoltata»

Continua ad imperversare sulla cronaca quotidiana cartacea e web la situazione interna che si respira nella struttura marsicana sanitaria. «L’intervento sulla stampa del Direttore Generale della ASL “noi stiamo semplicemente applicando la legge senza eccezioni”, merita una circostanziata replica. Questa affermazione propagandistica manifesta tutta l’ingiustificata ostilità nei confronti degli erogatori accreditati che non deriva dalla conoscenza dell’attività che svolgiamo, ma da una totale inconsapevolezza di come la svolgiamo e di come i suoi uffici applicano le leggi!», così si esprime sulla questione, in una nota stampa, Lucia Di Lorenzo, Amministratore Unico della Casa di Cura Privata Di Lorenzo s.p.a.

«La Casa di Cura Di Lorenzo subisce vessatori controlli continuamente ma non per questo dichiara che non pagherà gli stipendi! Allora evidentemente, se questa volta siamo arrivati a questo estremo, una ragione differente ci sarà….ma il Direttore Generale non la conosce come non conosce la gerarchia delle fonti del diritto, che è un principio sacrosanto del nostro ordinamento, che con l’applicazione di queste leggi stanno violando», è dura la replica che arriva dalla struttura.

«Se il Direttore Generale avesse accettato, anche una sola volta in tutti questi anni, l’invito a visitare la struttura che dirigo e avesse ascoltato gli operatori che vi lavorano, saprebbe con quale rapidità, professionalità, attenzione ed umanizzazione cerchiamo di curare i nostri pazienti; saprebbe che abbiamo una rianimazione e che curiamo pazienti estremamente complessi che si aggravano e che a volte non possono essere dimessi alla data programmata; saprebbe che riceviamo pazienti cui dobbiamo fare una diagnosi e che questo a volte richiede trasferimenti da un reparto all’altro; saprebbe che grazie alla professionalità dei medici che lavorano in Casa di Cura importiamo molti pazienti da altre regioni e che non possiamo certo rimandarli a casa la mattina del ricovero perché un paziente ha avuto un rialzo febbrile e non abbiamo potuto dimetterlo, quindi se abbiamo un letto libero in un’altra unità operativa, lo ricoveriamo comunque e lo curiamo; saprebbe che la qualità del nostro lavoro attira pazienti dal Lazio e riduce la folle spesa della mobilità passiva della Regione Abruzzo; saprebbe che non teniamo i pazienti un solo giorno più del necessario; ma soprattutto se si fosse degnato di ricevermi saprebbe che non sto affatto contestando i controlli che vengono effettuati, ma la tardività degli stessi e l’ingiusto, scorretto e malevolo sistema di calcolo delle decurtazioni che mira solo a “risparmiare”, per riparare i buchi economici provocati da ben altri sprechi, non pagando prestazioni legittimamente e correttamente erogate dalla mia struttura. Io sono qua, disponibile a spiegargli tutto questo, se solo vorrà concedermi l’ascolto che credo di meritare!», questa la conclusione.

Fonte: Cara di cura privata Di Lorenzo

Foto di: INFO MEDIA NEWS

Altre notizie che potrebbero interessarti

L’Euroveto non si ferma, girone di ritorno in dirittura d’arrivo: questa sera in campo Morino e Roccavivi

Redazione IMN

Variante inglese in Italia: presenza attestata al 54%

Segue, per diffusione, la variante brasiliana e poi quella sudafricana. La variante brasiliana è in ...
Redazione IMN

Febbo incontra coordinamento Teatri extra FUS

L‘Assessore Mauro Febbo ha incontrato il coordinamento dei Teatri extra FUS per via dello stato di ...
Redazione IMN