INFO MEDIA NEWS
NEWS SLIDE TV Sport

Stadio dei Pini: semaforo verde per la riqualificazione, #stopdegrado

Ieri, l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Di Pangrazio ha dato l’ok ufficiale per l'intervento di riqualificazione, con l’importo complessivo di 1.073.828,15 euro. Oggi si presenta in uno stato di abbandono, ma è stato lo storico fiore all'occhiello della città.

Dopo anni di attesa la riqualificazione dello Stadio dei Pini diventa realtà.

Lo stadio, storico fiore all’occhiello della città, si presenta ormai in uno stato di abbandono ma può essere velocemente restituito al prestigio e alla funzionalità di un tempo. La struttura per mezzo secolo ha ospitato decine di manifestazioni di alto livello e tornerà, per volontà dell’amministrazione Di Pangrazio, ad essere il simbolo della voglia di fare attività agonistica e sport in una delle aree più belle del territorio, immersa nel verde della pineta.

Solo per ricordare un momento tra i tanti appuntamenti di caratura nazionale, qui l’atleta Sara Simeoni in occasione del primo meeting di atletica leggera, realizzò il record del salto in alto nell’anno 1974. Il “Dei Pini” ha ospitato 19 edizioni del meeting internazionale di atletica leggera “Marianella” ed ha visto gareggiare, tra gli altri, Pietro Mennea e Fiona May.

Ieri l’amministrazione comunale ha dato l’ok ufficiale all’ intervento di riqualificazione, con l’importo complessivo di € 1.073.828,15.

L’opera, deliberata su proposta dell’assessore Emilio Cipollone, nasce anche dall’impegno della consigliera comunale Concetta Balsorio che era riuscita, durante il primo mandato dell’attuale sindaco, ad ottenere dal Credito sportivo un finanziamento a tasso zero di oltre un milione di euro per eseguire i lavori di rifacimento dell’intera pista di atletica.

L’attuale struttura della pista, oltre ad essere ormai logorata dal tempo, presenta infatti solo sei corsie e non può essere utilizzata per gare ufficiali: con i nuovi lavori, le corsie passeranno ad otto.
Altro intervento fondamentale riguarderà il rifacimento e la messa in sicurezza delle gradinate e la realizzazione degli spogliatoi, ormai al limite della praticabilità.

“Ricordo con piacere, dice il sindaco Giovanni Di Pangrazio, quando ho consegnato nel 2014 un premio all’atleta Simeoni, nel quarantennale della sua splendida vittoria. Con la decisione deliberata ieri lo stadio, finalmente, può tornare ad essere un fiore all’occhiello per l’intera Marsica. Puntiamo sullo sport come componente fondamentale della qualità della vita e sono certo, che questi lavori, siano una buona notizia per tutta la Città. Un giorno, non troppo lontano, assisteremo nuovamente a imprese sportive di grande livello.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Screening: 97 positivi in provincia dell’Aquila

Dall'inizio dello screening eseguiti 21524 tamponi
Redazione IMN

Incendio L’Aquila: gli aggiornamenti

Quattro i fronti del fuoco
Redazione IMN

Abruzzo: il 2 gennaio si comincia, partono le vaccinazioni

Lo ha annunciato l'assessore Verì. Prime vaccinazioni anche all'Ospedale di Avezzano. Entra nel ...
Redazione IMN