INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Sindaco De Rosa contro Salvini: “Su Luco parole deliranti”

La sindaca di Luco dei Marsi, Marivera De Rosa, interviene in merito a quanto affermato da Matteo Salvini, leader della Lega, nel corso della sua visita ad Avezzano. "Il commediante padano diventa un commediante 'patano'".

“Impegnato ad Avezzano nell’ennesima campagna elettorale, l’unica attività rilevante nella sua storia recente come in quella più remota, Salvini, il commediante padano, diventa per l’occasione il commediante “patano” e si permette di infilare, tra le varie castronerie “uso propaganda”, niente meno che il nome di Luco dei Marsi”, incomincia così una dura e aspra nota firmata dal sindaco di Luco dei Marsi, Marivera De Rosa, alla luce di quanto detto dal leader del Carroccio nel corso del suo ultimo comizio nella città di Avezzano.

“Ho ascoltato le dichiarazioni deliranti del rappresentante leghista che, con ammirevole sprezzo del ridicolo e mancando nuovamente l’occasione di tacere per evitare l’ennesima figuraccia, sciorina in ordine sparso i soliti triti slogan tra “nuovi schiavi”, spacciatori, “preponderanza di stranieri a scapito degli italiani”, la solita filastrocca sui “problemi reali”, gli sberleffi ai contestatori presenti, fino al punto in cui afferma “Sennò alla fine NOI ABRUZZESI rischiamo di diventare stranieri in casa nostra…”. Noi abruzzesi, ha detto. L’ha detto veramente. Oltre a qualche nozione di geografia sull’Abruzzo, che si sarà fatto dare in vista della trasferta, il Salvini avrebbe fatto bene a studiare numeri, storia e cronaca del nostro territorio. Si sarebbe forse astenuto da qualche infelice uscita, cosa che non ha fatto, dando credito a qualche frustrato referente locale in cerca di attenzioni, (che pur di compiacere il padrone non esita a sputare sul nostro territorio). E avrebbe scoperto che i dati sulle presenze degli stranieri nel mio paese, che guido con orgoglio, sono noti e pubblici, in pari proporzione con i centri omologhi, e non c’è schiavitù perché i nostri imprenditori, generalmente, sono persone serie, e le istituzioni sane vigilano, sul rispetto dei doveri da parte di tutti, operai, imprenditori e cittadini in genere, di qualunque nazionalità siano, senza perder tempo in propagande. E ci sta, come ovunque, che vi sia qualche elemento che vive di illegalità, ma a quelli ci pensano le forze dell’ordine e la legge, che rispettiamo sempre, e non i pistoleri”, aggiunge il sindaco.

E che qui non solo i lavoratori stranieri non soppiantano “a tradimento” i locali, ma addirittura gli imprenditori se li sono andati a riprendere A CASA LORO, con voli dedicati e facendo i salti mortali, in tempo di Covid, per ottenere le autorizzazioni. E che al netto delle normali difficoltà, qui come altrove nel mondo, nei processi di integrazione e coabitazione, le uniche occasioni in cui si sono verificate situazioni drammatiche si sono avute quando qualcuno, affine a lui e alla sua politichetta da due soldi (… ed evito facili battute), ha strumentalizzato e fomentato divisioni per puro “uso elettorale”, cosa che forse qualcuno, magari lo stesso che ha offerto il nostro bel paese a questa becera propaganda, vorrebbe ripetere. E saprebbe che gli abruzzesi, e i luchesi, che non sono Salvini, possono essere stati arrabbiati, in qualche tempo, come tanti cittadini d’Italia, per tanti motivi, ma hanno buona memoria, e sana e robusta costituzione morale”, avverte.

“A lui e agli aspiranti politicanti al suo seguito servono riflettori. A noi servono persone serie e soluzioni, cosa diversa dagli slogan, perché abbiamo problemi cronici e nuovi da affrontare, dal lavoro alla sanità ai trasporti e oltre, un’emergenza Covid ancora incombente, come tutte le sue conseguenze. E il suo quarto d’ora di celebrità, in questa terra, è finito. Buon rientro a casa tua, signor Salvini“, conclude.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Febbre da Joystick ad Avezzano: grande exploit per il Torneo di Fifa 2017

Redazione IMN

Spoltore: fiamme in un appartamento, uomo in Ospedale

Redazione IMN

Successo per il progetto Erasmus+ di Amfi: l’Estero nella Marsica per crescere assieme e appassionatamente

Gioia Chiostri