INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Scurcola Marsicana, il sindaco: «Il Comune è sano e solido»

Approvato all’unanimità l’Atto di ritiro del Piano di Riequilibrio Economico Finanziario. Il primo cittadino Maria Olimpia Morgante: «Abbiamo portato a compimento un’operazione di grande importanza per il futuro del nostro Ente; ora abbiamo i conti in ordine».

Scurcola Marsicana, il sindaco: «Oggi il Comune è sano e solido»

Grande soddisfazione per l’Amministrazione Morgante, che nella seduta straordinaria del Consiglio Comunale di giovedì 18 giugno, ha potuto superare con successo la fase più critica della storia amministrativa del Comune di Scurcola Marsicana.
Approvazione unanime per l’atto di ritiro del Piano di riequilibrio economico finanziario decennale. Obiettivi raggiunti, beninteso con il consenso del Ministero degli Interni.

Annullato in soli 4 anni un disavanzo complessivo di 2.685.937,49 €.

Presenti il responsabile dell’Area economico finanziaria dell’Ente Dottor Mario Sulpizio, nonché il Revisore dei Conti Dottore Claudio Fusco, che hanno potuto mettere in evidenza gli ottimi risultati raggiunti in relazione all’oggettività ed all’improcrastinabilità delle problematiche affrontate negli ultimi 4 anni.
Ma ricostruiamo la vicenda.

Nella seduta consiliare del 15 ottobre 2017, a causa del parere negativo sulla congruità dei conti da parte del Revisore Legale dell’Ente ed in ottemperanza alle prescrizioni di legge in materia di salvaguardia degli equilibri di bilancio, veniva approvato il Piano di Riequilibrio economico finanziario decennale del Comune di Scurcola Marsicana:
le potenziali spese legali relative alla nota causa Biolite, per complessivi € 1.602.214,97, nonché la rilevazione di oltre € 1.000.000 per disavanzi di amministrazione non coperti da liquidità di cassa e residui attivi per crediti non esigibili stavano proiettando il Comune di Scurcola Marsicana verso il Dissesto ed il Commissariamento.

Unica alternativa: il risanamento.

Risanamento o dissesto: erano queste le uniche opportunità di scelta.

A dimostrazione di grande senso di responsabilità, è stato avviato l’iter di risanamento dell’Ente: l’opzione più coraggiosa, perché c’era da risolvere problematiche di estrema complessità e tutt’altro che visibili alla popolazione; c’era da metterci la faccia nell’attuazione di soluzioni schematiche, obbligate ed impopolari.

“È stata una decisione necessaria ad evitare il dissesto del Comune” dichiarava allora il Sindaco Maria Olimpia Morgante “ma abbiamo portato a compimento un’operazione di grande importanza per il futuro del nostro Ente; ora abbiamo i conti in ordine e ciò garantirà all’Ente comunale la stabilità economico finanziaria del prossimo futuro, restituendo ai cittadini un Comune sano e solido” concludeva.

Il “prossimo futuro” è arrivato!

Nella seduta consiliare del 04 giugno 2020 l’Amministrazione ha approvato il Bilancio Consuntivo al 31.12.2019 con i risultati che seguono

1. Il Piano di Riequilibrio 2017/2026 ha sviluppato complessivamente € 1.079.310,51.
2. Grazie al risultato di cui al punto 1, in ottemperanza alla segnalazione della Corte dei Conti, si è provveduto al ripristino di cassa per € 807.314,79 (temporaneamente vincolata).

3. la Causa Biolite si è conclusa con una conferma di condanna per il Comune di Scurcola, soccombente ufficialmente per la somma di € 96.301,92 (anch’essa già presente nel risultato di Amministrazione 2019 e vincolata a tale scopo) anziché € 1.602.241,97. Non è più necessario dunque accantonare la somma di € 1.602.241,97 (facente parte del Piano di Riequilibrio).

4. Il rendiconto di Gestione 2019, finalmente in attivo, al netto delle somme di cui sopra, evidenzia un avanzo disponibile di € 88.056,14.

Il Bilancio consuntivo 2019 mette dunque in evidenza che il Piano di Riequilibrio pluriennale 2017/2026 si può ritenere superato.

Soltanto a seguito dell’approvazione del Bilancio, e soltanto in virtù degli ottimi risultati raggiunti, si è potuto procedere alla convocazione del Consiglio Comunale in seduta straordinaria per approvare il ritiro del piano di riequilibrio del comune di Scurcola Marsicana.

“Abbiamo affrontato un percorso molto più complesso di quanto si possa immaginare, lo abbiamo fatto per senso di appartenenza: accettare una sfida di tale portata non era affatto semplice, ma lo rifaremmo altre migliaia di volte nella consapevolezza che non sempre è possibile convivere con problemi; alcuni problemi hanno l’obbligo di essere risolti, ma per risolverli bisogna avere innanzitutto il coraggio di affrontarli!” afferma oggi il Sindaco Maria Olimpia Morgante.

“Potevamo tranquillamente consegnare le chiavi del Comune al Commissario prefettizio fin da subito” prosegue, “ma volevamo risanare l’Ente per restituire alla cittadinanza un Comune sano e solido. Possiamo finalmente dimostrare al Ministero dell’Interno e quindi a tutta la cittadinanza, che oggi il Comune di Scurcola Marsicana è sano e solido!” conclude il Sindaco.

La seduta consiliare del 18 giugno 2020 verrà ricordata anche per l’Istituzionalizzazione del Corteo Medievale “Contrade & Borghi, Città di Scurcola Marsicana, l’Arte venuta dalla Francia” e di Scurcola Marsicana come “Città della Battaglia dei Piani Palentini”: approvazione all’unanimità, alla presenza di una rappresentanza del Centro Studi D’Angiò e del Presidente dello stesso, Architetto Lorenzo Fallocco, tutti molto soddisfatti per il risultato raggiunto.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Il disagio psichico combattuto con l’aiuto dei cavalli

Alice Pagliaroli

Avezzano, ‘La città dello sport, del benessere e del tempo libero’ nel bilancio di previsione 2016/18

Redazione IMN

VIDEO. Matassa giudiziaria Santa Croce, qualche luce tra vecchio e nuovo bando

Gioia Chiostri