INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Scontro Di Pangrazio-Biondi, interviene Genovesi

Si accende il dibattito, fra due territori, la Marsica e L'Aquila. Le parole del sindaco di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio, non sono state digerite dai politici del Capoluogo. Interviene anche Tiziano Genovesi, ex candidato sindaco Lega: "Va bene la Grande Marsica, quando avrà magari una base giuridica sulla quale appoggiarsi, ma io sono per non fare guerre a nessuno, è una posizione cieca quella del sindaco".

Tiziano Genovesi, durante la scorsa campagna elettorale, che ha consegnato, alla fine, la fascia tricolore a Gianni Di Pangrazio, è stato accusato più volte di essere alla mercé degli aquilani.

Candidato sindaco della Lega, ora siede tra i banchi dell’Opposizione in assise e anche lui è stato testimone delle parole di Di Pangrazio, primo cittadino, pronunciate ieri in Consiglio, 13 gennaio sulla città capoluogo. “L’Aquila accusata di dirigere i territori, di essere chiusa fra le sue mura, di mettere dei tentacoli”. Di Pangrazio aveva asserito di non aver “incluso L’Aquila nella Grande Marsica, non perché voglio fare l’anti-aquilano anzi, (…) ma perché L’Aquila è costruita dentro le mura. Questa loro mentalità di essere ‘costruiti’ dentro le mura li porta chiaramente a non aprirsi spesso nei confronti dei territori”.

Per Genovesi, la “Grande Marsica va bene, ma – aggiunge – per ora non esiste, non ha una base giuridica, è una mera idea. Quello che è sbagliato è questo atteggiamento di chiusura verso altre realtà, di doversi sempre contrapporre ad altri. Cioè, mi spiego meglio, è insensato fare guerre agli altri per emergere. E’ vero che la Marsica deve contare di più a livello non provinciale, ma regionale. Deve avere quello che merita nelle dinamiche regionali, in Abruzzo, anche perché 37 comuni – e quindi 37 sindaci – sono una forza politica non indifferente e anche economica propulsiva”, dice il leghista.

Sulle parole di Di Pangrazio rivolte al capoluogo, afferma
: “Creare una unione zoppa in partenza è da perdenti. Non scordiamoci che nelle guerre e nelle battaglie il più debole perde. Noi dobbiamo rivendicare il nostro ruolo in altri modi, dobbiamo avere un sindaco che sappia intrecciare rapporti importanti e politici con la Regione e il Governo nazionale. Che sappia creare ponti e non recinti – dichiara – lui non è riuscito perché non ha questa capacità. Io ho sempre parlato dell’importanza della filiera, di dialogare costantemente con gli altri piani politici, di prendere i treni giusti a livello regionale, nazionale e internazionale, di farsi trovare preparati a discorsi più ampi, ad intese, a ragionamenti e vedute più larghi. Agire di campanilismo, in questa pandemia, è davvero da ciechi: se c’è una cosa che il Coronavirus ci ha insegnato, è che il mondo è ampio e vario e le barriere non fanno mai bene. Ci ha insegnato che vince l’inclusione e non l’esclusione, che tiene banco la coesione tra più soggetti, enti e realtà. Fare campanili è un atteggiamento da 1400”.

I rapporti politici e i dialoghi tra Enti e territori, per Genovesi, sono la vittoria. “Un sindaco civico non ci traghetterà da nessuna parte”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Coronavirus: il 4 maggio riapre il più grande cantiere d’Europa

L'Aquila dei cantieri riparte, dopo lo stop per Coronavirus. Ordinanza del sindaco per aziende ...
Redazione IMN

Earth Hour 2018, luci spente anche in Abruzzo

Alice Pagliaroli

Bagno di folla per Annamaria Taccone

Inaugurata la campagna elettorale della candidata sindaco Taccone. Tra gli interventi anche quello ...
Redazione IMN