INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Sciame sismico: Cialente ordina la chiusura di tutte le scuole e 43 sgomberi per inagibilità

 

In via precauzionale e cautelativa, l’attività didattica nelle scuole di ogni ordine e grado del territorio comunale dell’Aquila resterà sospesa, da domani, sabato 28 gennaio, fino a martedì 31 gennaio. È quanto prevede un’ordinanza del Sindaco Massimo Cialente, adottata in relazione allo sciame sismico che in queste ultime ore sta interessando la città.
Il settore Ricostruzione pubblica, inoltre, rende noto che, in seguito ai sopralluoghi condotti in questi giorni, a causa dell’aggravarsi delle condizioni degli edifici già danneggiati dal sisma del 2009, si è reso necessario emanare 43 ordinanze di inagibilità per rischio esterno di immobili nel centro storico della frazione e il conseguente sgombero delle famiglie che vi vivono. Per queste famiglie il Comune sta mettendo a disposizione alloggi del Progetto Case e Map. Per questi motivi è stata interdetta parzialmente la viabilità dello stesso centro di Arischia, a tutela della pubblica incolumità. Nello stesso tempo, si stanno definendo numerose ordinanze di demolizione di immobili che costituiscono un pericolo, al fine di poter far rientrale celermente le famiglie che vivono nelle case oggetto delle ordinanze di sgombero.
Si ricorda, infine, che è attivo il Centro operativo comunale di Protezione civile del Comune, i cui recapiti sono contenute nella pagina della struttura organizzativa del Piano di emergenza di protezione civile, pubblicato sul sito internet www.comune.laquila.it, e raggiungibile dal banner “Emergenza, il piano comunale” posto sulla destra della pagina iniziale e raggiungibile cliccando qui http://www.comune.laquila.gov.it/pagina1151_emergenza-piano…

 

 

Fonte AGI

Altre notizie che potrebbero interessarti

La Plus Ultra fuori casa riafferma se stessa: è 2-3 contro il San Francesco Calcio

Gioia Chiostri

Fisco: frode su alcoolici, tre arresti e sequestro da 10 milioni di euro

Redazione IMN

Restyling ad Avezzano, una grande piazza e una nuova scuola materna per Chiusa Resta dopo 10 anni di contenzioso

Redazione IMN