INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Scatta l’operazione “Mare Legale”: sequestri sulla spiaggia

"L'abusivismo commerciale è una piaga sociale a danno di chi paga le tasse".

Il sindaco di San Salvo, Tiziana Magnacca, ha dato disposizione al comando della Polizia Locale di intensificare i controlli contro il commercio abusivo nell’ambito delle attività di prevenzione e repressione denominato “Mare Legale”.

Da questa mattina gli agenti della Polizia Locale, coordinati dal responsabile del servizio Vincenzo Marchioli, hanno effettuati una serie di controlli che ha già dato i primi risultati con il recupero di centinaia di oggetti di dubbia provenienza quali occhiali, cappelli, costumi da bagno, gonfiabili e merce varia.

Gli ambulanti abusivi alla vista degli agenti si sono dati alla fuga.

«L’abusivismo commerciale – spiega il sindaco Magnacca – è una piaga sociale a danno dei commercianti che pagano le tasse e rappresentano un pericolo per la salute degli acquirenti in considerazione della dubbia provenienza dei prodotti e delle insufficienti informazioni sui materiali utilizzati nella produzione anche tenendo conto del periodo particolare che stiamo vivendo del dopo Covid-19 che impone rigidi protocolli di sicurezza che non possono essere rispettati a seconda della convenienza del momento».

In questa stagione estiva l’attività di controllo di “Mare Legale” proseguirà tutti i giorni direttamente in spiaggia e nelle strade di accesso a San Salvo Marina per un piano congiunto d’azione predisposto dagli assessori Fabio Raspa (Sicurezza) e Tonino Marcello (attività Produttive) anche tenendo conto di alcune indicazioni delle associazioni di categoria come la Confesercenti e la Confcommercio.

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. ‘Pescasseroli è W’: nasce la magia dell’Orto della corte

Gioia Chiostri

Avis di Avezzano, tanti a donare il sangue per l’emergenza terremoto

Redazione IMN

Cammino di Francesco e Tommaso: l’opposizione di Scurcola Marsicana attacca il Sindaco

Ivan Antonini, Rodolfo De Simone e Nicola De Simone: “Stupisce l'assenza del nostro Comune”
Redazione IMN