INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS

Santa Croce Canistro: il sindacalista Bisegna accusato di sequestro di persona, violenza privata, minacce e sabotaggio ai danni dell’azienda

L’azienda Santa Croce spa nell’occhio del mirino. Ieri si è tornato a parlare della vicenda giudiziaria che ha visto protagonista il sindacalista ed ex dipendente Maurizio Bisegna, accusato dall’imprenditore Camillo Colella di vari gravi reati. Le accuse sono state presentate in seguito alla manifestazione del 2 febbraio 2017.

Nella tarda mattinata di ieri si è svolta davanti al Giudice delle Indagini preliminari dottoressa Francesca Proietti l’udienza relativa al procedimento penale a carico di Maurizio Bisegna di Canistro, ex dipendente della Sorgente Santa Croce spa e Rappresentante Sindacale Aziendale.

Dopo Antonello Moscatelli (consigliere comunale del comune di Canistro) – già interrogato in Procura per presunte condotte illecite nell’ambito della manifestazione spontanea svoltasi il giorno 2 febbraio 2017 davanti ai cancelli della Santa Croce – è, infatti, toccato al collega Bisegna doversi difendere dalle accuse mosse dall’imprenditore Camillo Colella. Il Pubblico Ministero, dottor Roberto  Savelli, aveva chiesto l’archiviazione dopo la denuncia del rappresentante legale della società con cui gli vengono attribuiti reati gravissimi correlati alle manifestazioni dell’ottobre-novembre 2016, dal sequestro di persona alla violenza privata, dalle minacce al reato di sabotaggio ai danni dell’azienda.

«Ci si trovava in un momento particolarmente caldo della vertenza con la società, in quanto da settembre 2016 i lavoratori erano ormai in procinto di essere licenziati (come sarebbe successo di lì a poco) e non ricevevano più lo stipendio. Gli stessi lamentavano l’impossibilità di avere un incontro con l’imprenditore per conoscere le sue reali intenzioni sul futuro della società e per rivendicare i loro diritti retributivi. Tagliato ogni canale di comunicazione da parte dell’imprenditore, i dipendenti organizzarono manifestazioni e sit-in davanti ai cancelli aziendali, e, in tale contesto – secondo i legali del Colella – si sarebbero consumati i delitti attribuiti al Bisegna».

I difensori di quest’ultimo, gli avvocati Salvatore Braghini e Renzo Lancia, in un’aula affollata dalla presenza solidale dei lavoratori della Santa Croce, rimasti in attesa dell’udienza per l’intera mattinata, hanno rappresentato al Giudice che «I fatti attribuiti all’indagato sono generici nonché privi di ogni riscontro e fondamento. Oltre a contestare la legittimità processuale dell’opposizione alla richiesta di archiviazione del PM, i legali hanno osservato che non si trattò affatto di sequestro del Colella perché lo stesso, forse impaurito dalla presenza dei manifestanti nel piazzale antistante l’azienda, non uscì per sua scelta dalla stessa. Né vi è stata alcuna violenza privata ai danni dell’imprenditore ovvero dei trasportatori, in quanto le proteste, seppure animate, si svolsero nei limiti della legalità e nel rispetto delle persone. Il sabotaggio industriale, anche questo da escludere, non  potrebbe mai configurarsi perché non ci fu danneggiamento dei macchinari dell’azienda e la produzione di quest’ultima era peraltro cessata dopo i noti fatti della revoca dell’aggiudicazione dell’ottobre 2015 e dell’annullamento del bando intervenuto con sentenza del TAR abruzzese nel gennaio 2016».

I legali Salvatore Braghini e Renzo Lancia sono fiduciosi sulla conferma dell’archiviazione in quanto «nessun reato ovvero condotta illecita è attribuibile al Bisegna e agli altri lavoratori nel mentre si sono limitati ad esercitare il loro diritto a manifestare per la tutela dei propri diritti». Gli stessi aggiungono che «le querele e denunce non favoriscono certo un clima di dialogo per la soluzione delle diverse problematiche sul tappeto, tanto più che oltre a Bisegna anche altri lavoratori della Santa Croce ex riceveranno a breve una convocazione in Tribunale per i medesimi fatti contestati al collega sindacalista. Manifestare per i propri diritti non è un crimine!».

Fonte: Avvocati Salvatore Braghini e Renzo Lancia

Fonte foto: Cityrumors

Altre notizie che potrebbero interessarti

Salvo il Teatro Marrucino? La Regione stanzia 500mila euro

Redazione IMN

Cam, ritrovati, a Roma, il camion e il bob-cat rubati il 22 dicembre

Redazione IMN

Ricostruzione pubblica e privata, si richiede un nuovo slancio: Lolli incontra i rappresentanti abruzzesi del nuovo Governo

Gioia Chiostri