INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Risolto il giallo dei putti che piangono sangue

La Squadra Mobile di Chieti ha identificato due ventenni

A una settimana dal ritrovamento della tela capovolta raffigurante i due noti putti del Raffaello con delle strisce rosse che partivano dagli occhi a simboleggiare lacrime di sangue, rinvenuta appesa alla balconata della scalinata della Chiesa di San Francesco al Corso a Chieti, la Squadra Mobile ha individuato i due autori protagonisti della vicenda.

Visionando le immagini delle telecamere in zona, i poliziotti hanno identificato due ventenni teatini in procinto di iscriversi all’Università, i quali hanno raccontato agli investigatori che il loro gesto non aveva alcun significato esoterico né tantomeno di minaccia.

I due giovani con quelle “lacrime di sangue” volevano rappresentare simbolicamente la sofferenza degli angeli nel vedere la società odierna intrisa di sentimenti di odio, violenza, pregiudizio e indifferenza.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Scuole, incontro tra Provincia e Dirigenti scolastici marsicani

Edilizia scolastica al centro dei piani della Provincia di L'Aquila
Redazione IMN

FESTIV’ALBA: a luglio e agosto la rassegna culturale tra le meraviglie archeologiche di Alba Fucens

Redazione IMN

Fermato con 2 kg di marijuana: arrestato diciottenne

Il giovane fermato nei pressi della statale 16 nei pressi di Pineto
Redazione IMN