INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Rigopiano, la madre di una vittima: “Lotto per avere giustizia”

Questa mattina cerimonia di commemorazione a Chieti

Tragedia di Rigopiano, iniziato il processo

“Questi momenti sono tragici, io comunque cerco di andare avanti, voglio lottare fino alla fine per avere giustizia, sempre lo farò, non mi mancherà mai la forza di andare avanti e il Signore mi assista”. A dirlo a Chieti durante una cerimonia di commemorazione è Loredana Lazzari, madre di Dino Di Michelangelo, il poliziotto morto con la moglie Marina Serraiocco sotto le macerie dell’hotel Rigopiano, che quattro anni fa venne travolto da una valanga seppellendo 29 persone; una tragedia che fra i superstiti vede il figlio della coppia, Samuel.

Anche per il fratello del poliziotto, – scrive l’Ansa Abruzzo – Alessandro, la giornata di oggi è un momento triste di commemorazione. “Ogni anno per noi il 18 gennaio è una piaga che si riapre – spiega – si riapre condivisa perché anche l’affetto delle persone che ci vogliono bene oggi lo dimostra. È una piaga che ci portiamo 365 giorni all’anno, sempre, è sempre viva perché viviamo del ricordo di Dino, mio fratello, io lo vivo personalmente anche tutti i giorni a lavoro, perché Dino era un mio collega e quindi per me è sempre presente”.

Questa mattina Alessandro Di Michelangelo e la madre Loredana Lazzari hanno partecipato alle cerimonia svoltasi a Chieti dinanzi al monumento che ricorda le vittime di Rigopiano, presenti il sindaco Diego Ferrara che ha portato una composizione di rose, il prefetto Armando Forgione, il questore Annino Gargano, il comandante provinciale dei carabinieri Alceo Greco, l’arcivescovo di Chieti Vasto Bruno Forte, una rappresentanza dei Vigili del Fuoco, mentre una composizione di fiori è arrivata dai colleghi di Dino Di Michelangelo dal Commissariato di Osimo.

“La mia riflessione è la speranza, tutto quello che mi dà la forza di avere fiducia nella giustizia – he detto ancora Di Michelangelo – fiducia che cerco di infondere anche a mia madre tutti i giorni, affinché anche lei possa sentirsi più serena, per avere più speranza nel suo cuore per la battaglia per la verità perché solo quello noi cerchiamo, la verità”.

“Quella valanga, quattro anni fa – ha detto il sindaco di Chieti Diego Ferrara- non ha sommerso solo e distrutto l’albergo e 29 vite di persone soprattutto giovani, ma ha travalicato e compressa anche la nostra coscienza di cittadini, di tutti i cittadini e di tutti italiani, consapevoli che le istituzioni devono fare il loro dovere. È passato troppo tempo dall’inizio del processo e giustamente i familiari vogliono giustizia ma la vogliamo tutti noi per ognuno delle proprie responsabilità.

Certo è una cosa che non si cancella e non si cancellerà, noi stiamo accanto a questa famiglia e a tutte le famiglie”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Bennato ad Avezzano: ecco le nuove date definitive

Le due date sono state riprogrammate a fronte dello stop forzato delle manifestazioni nei teatri, ...
Redazione IMN

VIDEO. 50 milioni di euro per il Fucino del domani: dalla siccità ad una struttura indispensabile

Gioia Chiostri

#IOAPRO, sanzionato un bar e quattro clienti

Intensificazione dei controlli da parte della Questura di Chieti
Redazione IMN