INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Regione avvia progetto ecografia domiciliare

Usca abruzzesi dotate di apparecchi per pazienti a casa

Abruzzo in fascia gialla. Verì, efficaci azioni messe in campo

Le Usca, le Unità Speciali di Continuità Assistenziale impegnate nella cura dei positivi si dotano di nuove apparecchiature elettromedicali più che mai importanti, come l’ecografo polmonare Lung Ultra Sound Lus, nella cura dei pazienti positivi al Covid 19 anche nei rispettivi domicili.

Ieri mattina in Regione a Pescara l’assessorato alla Sanità ha illustrato l’iniziativa.

“Siamo convinti – ha spiegato Alberto Albani, referente regionale per le emergenze-urgenze in Abruzzo – che la guerra si vinca sul territorio e non negli ospedali per cui dobbiamo dotare le Usca di tutti gli strumenti idonei per fare una diagnosi precoce ed evitare un iper afflusso dei pazienti negli ospedali e dei dipartimenti di emergenza-urgenza e per questo abbiamo fortemente voluto l’acquisto di 30 ecografi per tutte le Usca, nominando il dottor Gianni Iannetti, quale presidente della Siumb (Società Italiana di Ultrasonologia in Medicina e Biologia) come coordinatore di questo progetto. Noi siamo la prima regione in Italia che ha attivato a livello di tutte le Usca questa metodica ecografica, e quindi siamo orgogliosi di aver messo in campo questa risposta che veramente ci consente di diminuire l’afflusso di pazienti negli ospedali e allo stesso tempo di curare meglio i pazienti”.

Gianni Iannetti ha sottolineato come “quando mi è stato chiesto di occuparmi della diagnosi della problematica della polmonite Covid relata a domicilio ho accolto con entusiasmo la proposta perché in effetti l’ecografia è un mezzo molto potente, specialmente nelle fasi iniziali per capire se il paziente ha o meno la polmonite e se c’è polmonite, se questa può essere curata a casa o occorre il ricovero. Nel mese di dicembre abbiamo iniziato con la provincia dell’Aquila e abbiamo formato tutti i giovani colleghi delle Usca i quali hanno la possibilità sia di inviare brevi clip anche wap ad un centro di riferimento sia di inviare poi i referti degli esami ecografici ad una web comune in tutta la regione e questo permetterà di poter avere dei dati sui pazienti esaminati in questo modo”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Coronavirus: nella Marsica 16 pazienti contagiati

Ecco la mappa dei casi di contagio aggiornata alla giornata odierna. Spicca la città di Avezzano ...
Redazione IMN

Campagna ‘Questo non è amore’: la Polizia di Stato anche quest’anno contro la violenza di genere, eventi di piazza

Gioia Chiostri

Vertenza Conad: Lolli incontra sindacati, azienda e Comuni, esubero per 66 lavoratori

Redazione IMN