INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Raccolta funghi: la Asl attiva il servizio di controllo gratuito della commestibilità

La raccolta di funghi appassiona, da sempre, migliaia di persone, avvezze all’attenta ricerca delle specialità offerte dalla montagna. Attenzione però a cosa si mangia, non sempre i funghi raccolti sono commestibili. La Asl vi aiuterà a scoprire cosa può essere portato a tavola.

 

Cresce di quasi 20% il numero di raccoglitori di funghi nella Marsica (oggi in tutta la Provincia AQ ci sono 6.000  ‘praticanti’) e la Asl riparte con il servizio di controllo della commestibilità dei prodotti colti nei prati.  L’attività di verifica della eventuale tossicità dei funghi, raccolti nei prati dagli appassionati, anche quest’anno sarà garantita, ad Avezzano, nel distretto sanitario, situato in via Monte Velino, per due giorni a settimana, il lunedì e  il giovedì, dalle ore 16 alle 18. I controlli, nell’ambito del servizio dell’ispettorato micologico della Asl, sono affidati al micologo Stefano Maggi. Il servizio (attivo  già dal primo giugno scorso) è  gratuito e resterà a disposizione degli utenti fino al 30 novembre prossimo. Tra l’altro la Asl prevede una consulenza urgente del micologo, a supporto del pronto soccorso dell’ospedale di Avezzano, nei casi in cui occorra intervenire immediatamente per stabilire tipo ed entità dell’avvelenamento. Il consiglio degli specialisti è quello di far sempre analizzare i miceti colti nei boschi.

Lo scorso anno un caso di avvelenamento, dovuto a funghi regalati da altri,  si è  verificato in Valle Peligna e ha coinvolto, per fortuna senza gravi conseguenze, una famiglia con due bambini. In un’altra circostanza, questa volta in Marsica, un uomo, che pure aveva dimestichezza con la raccolta dei miceti ed era in possesso del patentino, è rimasto intossicato (senza ripercussioni serie) probabilmente per aver scambiato una specie tossica per una commestibile. Infine, nel terzo caso di avvelenamento del 2016, il più grave, un appassionato del comprensorio aquilano è scampato per miracolo alla morte per aver mangiato piccole quantità della velenosissima specie Amanita Phalloides.

3 casi di avvelenamento che declinano, in modo diverso, i pericoli legati alla raccolta  dei funghi quando praticata senza la dovuta accortezza.  I più a rischio, tra coloro  che vanno per funghi, sono in genere i raccoglitori che arrivano in Marsica da altri territori, soprattutto dal Lazio, e che conoscono poco le zone di raccolta e quindi le caratteristiche dei prodotti che vi crescono. La raccolta di questi prodotti nei boschi si traduce ormai in una pratica che accomuna tutte le categorie sociali, da liberi professionisti agli operai fino agli impiegati, senza criteri anagrafici. Una parte di questo esercito di appassionati  è composto da  donne che, secondo l’osservatorio della Asl, sono quelle più prudenti: anche quando non li raccolgono personalmente, prima di prenderli in consegna in casa e cucinarli, sono le più solerti nel sottoporli a  verifiche. Lo scorso anno il servizio micologico di controllo della Asl esaminò 139 quantitativi, stabilendone la non commestibilità  in 52 casi.

 

 

 

Fonte Asl 1

Foto di http://www.tartufaiilperugino.it

 

 

 

 

 

Altre notizie che potrebbero interessarti

Rivoluzione calcio: Sambenedettese – Teramo e il progetto delle 3P

Redazione IMN

L’Aquila: picchia la convivente, arrestato 49enne rumeno

Redazione IMN

VIDEO. Convivere con il sisma, ad oggi si può? Incontro-confronto a Trasacco: ecco il mantra dell’Ingv

Gioia Chiostri