INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Quaglieri: “I fatti raccontano che l’Abruzzo ha più primati”

"Il M5S sa solo attaccare. Meno male che parlano i fatti. Abbiamo aperto in tempi record i centri vaccinali sul nostro territorio. Siamo in perfetta linea con la media nazionale per vaccini".

“Attaccare sempre e comunque è il sigillo distintivo del Movimento 5Stelle – e d’altronde la così chiamata macchina del fango è oramai una metodica nota – ma speculare sulla pandemia, questo si che è scandaloso perché si gioca sulla vita delle persone. Ciò detto, sono sempre e soltanto i fatti a parlare, e non certo le dichiarazioni estemporanee della deputata Valentina Corneli“. Queste sono le parole del presidente della Commissione Sanità in Regione Abruzzo, Mario Quaglieri, in quota Fd’I, dopo le ultime polemiche sollevate in Regione.

“E i fatti raccontano come l’Abruzzo sia una delle prime regioni ad aver avviato le vaccinazioni sulla popolazione ultraottantenne e nel mondo della scuola, ad aver prontamente predisposto, oltre agli screening di massa, l’apertura in tempi record di centri vaccinali nei territori, ad eseguire circa sei mila vaccini al giorno, che tradotto significa immunizzare il maggior numero di persone nel minor tempo possibile, e non a caso la nostra regione è stata fino a ieri – tocca ribadirlo – in perfetta linea con la media nazionale raggiungendo, oggi, qualche punto percentuale in più rispetto allo stesso valore italiano. Dati, questi, ben chiari sul sito del Governo e che gli esponenti del M5S farebbero bene, una volta per tutte, a consultare”, aggiunge Quaglieri.

“Se dobbiamo metterla sui primati, – continua il consigliere regionale – ne possiamo riconoscere diversi all’Abruzzo circa la gestione, nel suo complesso e tra mille difficoltà, dell’emergenza sanitaria ma non è questo l’aspetto che ci è mai interessato. Lavoriamo per ottimizzare al massimo l’efficienza di strutture e servizi, cercando di ridurre al minimo l’annosa disomogeneità degli interventi sul territorio ma non sono ammesse, nel frattempo, critiche inutili, soprattutto da parte di chi continua ad omettere responsabilità, incongruenze ed errori della loro governance nazionale. Va chiarito, altresì, che il piano vaccini non lo ha scritto la Regione ma il Governo, indicando chi, come, dove e quando vaccinare, dunque le Asl hanno dovuto eseguire esattamente ,come un compitino da fare in classe, quanto indicato nelle circolari ministeriali. Sinora gli antidoti anti covid sono arrivati con il contagocce ed in proporzione l’Abruzzo ha fatto miracoli. Se Arcuri è stato immediatamente sostituito, immagino che una ragione – o più d’una – ci sia. Quanto alla presunta lotteria – o sorteggio, che dir si voglia – è una falsità vera e propria che la Corneli spaccia per vera. Invece di interrogare il ministro in Parlamento su queste idiozie si chieda, piuttosto, perché fino ad oggi non abbiamo ricevuto regolari e programmate forniture di vaccini, costringendoci a somministrare le dosi con il freno a mano tirato. Il nuovo commissario, Figliuolo, ha garantito una velocizzazione sull’approvvigionamento: noi siamo pronti, anche prevedendo ulteriori centri vaccinali, per assicurare la più ampia copertura agli abruzzesi”, questa la conclusione.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Celano: arrestato Piccone, Santilli ai domiciliari

25 arresti tra funzionari e amministratori dell'ente, liberi professionisti e imprenditori
Redazione IMN

Il Castello Piccolomini di Celano apre le porte ai visitatori

Tre giorni di cultura per adulti e bambini
Redazione IMN

La Figc “manda” l’Avezzano in Eccellenza. Paris: “Lo scempio è compiuto”

Il Consiglio Federale accoglie la proposta della Lega Dilettanti: l'Avezzano retrocede. Paris ...
Redazione IMN