INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Naiadi, Di Matteo: “Noi come pochi in Italia, già operativi”

Approvata la proroga della struttura, Di Matteo: “Vedremo le condizioni della proroga. Intanto siamo già in attività, come pochi in Italia”.

L’assessore regionale allo Sport, Guido Liris, ha annunciato l’approvazione della proroga tecnica all’attuale gestione delle Naiadi, che fa capo alla Pinguino Nuoto.

“Stiamo aspettando la delibera – commenta Di Matteo – dobbiamo vedere quello che chiedono a noi per rimanere. Hanno intanto ufficialmente concesso la proroga per un anno per l’assenza di un project finanziario”.

La vicenda è stata molto seguita nell’ultimo anno, visto il rischio chiusura che provocava preoccupazione specialmente tra i dipendenti.

“Noi siamo entrati in gestione proprio per traghettare la struttura fino all’arrivo del Project Financing – spiega il gestore – che poi non è arrivato. La regione ha ora deciso di prorogare di un anno alla mandataria (Pinguino Nuovo Ssd Srl) mentre si farà una nuova gara. Vedremo le condizioni della proroga e valuteremo”.

“Le Naiadi sono un complesso a livello internazionale come pochi in Europa – continua – un centro che va assolutamente potenziato e va messo al centro di tutto l’attività sportiva europea”.

“La proroga è sicuramente un fatto positivo perché vuol dire proseguire con l’attività. Siamo uno dei pochi centri in Italia già operativi, l’impianto infatti ospiterà il 4, 5 e 6 agosto, i campionati regionali di Categoria in vasca lunga”.
“Sono campionati importanti dal punto di vista nazionale – conclude – ovviamente sempre seguendo attentamente tutte le misure covid”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Tribunale, Forgillo: «non sarà certo un bando europeo a salvare i presidi di giustizia»

Claudia Ursitti

Record di guariti in Italia, il Nord: “Riaprire aziende”. Oms frena

Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia chiedono riapertura delle aziende, l'Oms replica: “Solo ...
Redazione IMN

Ingv L’Aquila: seminario sulle vibrazioni ambientali, alla scoperta del nuovo software Geopsy

Redazione IMN