INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Premio ‘Guido Polidoro’: lunedì scade il termine per partecipare

Si ricorda che lunedì 28 novembre scade il termine per la presentazione degli articoli per partecipare alla quindicesima edizione del Premio giornalistico ‘Guido Polidoro’. La quindicesima edizione prevede un’unica sezione dotata di un primo premio di 1500 euro, di un secondo premio di 800 euro e di un terzo premio di 500 euro. Gli articoli, i servizi e le inchieste giornalistiche che saranno presentati – riguardanti aspetti significati della cultura, dell’economia, della società e delle tradizioni popolari abruzzesi – dovranno essere pubblicati, radiotrasmessi o teletrasmessi, messi on line, nel periodo compreso tra il primo novembre 2015 e il 31 ottobre 2016.

 

I giornalisti che intendono partecipare al concorso dovranno far pervenire i lavori, a pena di esclusione in un numero massimo di 3 per ciascun concorrente, entro lunedì 28 novembre 2016 (farà fede il timbro postale in A/R). I lavori devono essere prodotti in triplice copia, debitamente firmati e chiusi in busta o plico con la dicitura ‘Premio Polidoro XV edizione – Anno 2016’ alla segreteria del Premio presso Ordine Giornalisti d’Abruzzo, via Guido Polidoro 1, 67100 L’Aquila. La cerimonia di consegna del Premio ci sarà il 9 dicembre prossimo, con inizio alle 16,30, presso l’Auditorium della Bper all’Aquila. Nell’ambito della cerimonia si terrà un convegno (accreditato come evento formativo per i giornalisti) riguardante la figura di Panfilo Gentile, con l’intervento di giornalisti e studiosi. Il bando del Premio si può scaricare direttamente dal sito dell’Odg Abruzzo.

 

Fonte ASIpress

Foto di: Giornalistitalia.it

Altre notizie che potrebbero interessarti

Un tristissimo addio ad Egidio Pelagatti, colonna dell’Anpas e amico della Croce Verde di Avezzano: è morto uno spirito esempio d’altruismo

Gioia Chiostri

VIDEO. Aielli, pronto il piano neve: uomini e mezzi contro l’emergenza

Kristin Santucci

VIDEO. Incontro rivelatore sui treni tra Di Pangrazio e D’Alessandro: le corse su strada ferrata non si fermano a Mandela

Gioia Chiostri