INFO MEDIA NEWS
NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV Sport

Plus Ultra espugna lo stadio del San Pelino, Di Salvatore: «Oggi abbiamo giocato da squadra esperta»

Potremmo anche scommetterci, adesso, una cena di pesce, magari da gustare in qualche ottimo ristorante abruzzese: sicuramente, i fan della Plus Ultra Calcio, i loro supporters cioè, saranno presenti anche con il freddo e con la neve, perché vincere assieme alla propria squadra del cuore è un po’ come imparare a sollevarsi in volo ad un metro da terra: emozioni imparagonabili per chi vive il mondo del calcio come il paese di Trasacco, calciatori e tifosi uniti da un unico cordone ombelicale. C’eravamo lasciati con una promessa, ossia quella di segnare. Di fare gol, punto e basta. Ed in questo caso, i ragazzi della squadra di Trasacco non solo hanno segnato al Primo Tempo, ma non hanno nemmeno subito reti. Il risultato parla chiaro, è pulito e trasparente e sancisce altri tre punti guadagnati che gli 11 di mister Pietro Principe infilano nella tasca della giacca delle vittorie. Tornano a casa, con tutto di guadagnato dallo Stadio del San Pelino. «Il gol è arrivato al 40’ del Primo Tempo, quindi anche presto rispetto alle dinamiche della partita. Abbiamo chiuso la prima parte del match con un vantaggio, anche se la gara è stata molto difficile, devo ammetterlo. – racconta Cristian Di Salvatore,  team manager della squadra di calcio – Parliamo del San Pelino, che giocava in casa: una squadra molto organizzata, ben messa in campo e con tanti validi giocatori. Abbiamo capito sin da subito la durezza dello scontro, anche se è stato uno scontro sempre corretto», afferma ai nostri microfoni.

43343450_994425754084387_9104020848523608064_nEd in effetti, tornare a Trasacco con uno 0-1 sulla groppa delle spalle, ottenuto contro il San Pelino, in questo momento del Campionato di Prima Categoria, Girone A, significa capire, in fondo, che squadra si è e che squadra si sta diventando, partita dopo partita. Il fischio d’inizio è avvenuto alle ore 15 e 30 spaccate e si è incominciato subito a giocare di forti emozioni. «Ha segnato Luigi Casciere (difensore centrale) su calcio d’angolo: una grande azione. – dice Di Salvatore – Posso dire che i tre punti sono stati assai meritati. È stato anche annullato un gol alla Plus Ultra, insaccato in rete gli ultimi dieci minuti del match, un gol, per noi, regolare e non fuori gioco, segnato da Giacomo Aureli, il quale ha preso anche un altro palo negli ultimi istanti giocati. Insomma: la grinta l’abbiamo cacciata fino al fondo del bicchiere. Questa è stata una vittoria importante – aggiunge Cristian – mi sento di fare i complimenti a tutta la squadra, che ha giocato benissimo, e al Mister, che ha avuto la forza di cambiare qualche pedina preziosa in campo, facendo ruotare le risorse a disposizione, intervallando giocatori di esperienza con atleti più giovani: mossa azzardata, ma, alla fine, il risultato gli ha dato ragione», commenta.

La Plus Ultra Calcio non è la prima volta che strappa la vittoria fuori dalle mura di casa propria. Anzi, è proprio il campo avversario che porta, forse, fortuna: contro il San Francesco Calcio finì 2-3, alla seconda giornata di Campionato. La prossima gara (la quinta di Campionato) sarà impossibile da non vincere e si giocherà contro il Villa Santangelo. «In Prima Categoria, – afferma Cristian Di Salvatore – non esiste la cosiddetta squadra ‘materasso’. Da questo momento in poi, si accavallo tutti match difficoltosi: dobbiamo vivere le gare di settimana in settimana, allenandoci al meglio e sperando di non accusare le botte degli infortuni, recuperando anche qualche giocatore ancora acciaccato. Guadagnare tre punti in casa, davanti al nostro pubblico, sancirebbe la domenica del calcio perfetta, ed è ciò che vogliamo fare nella prossima partita».

«Secondo me, da oggi il nostro Campionato comincia a raccontarci qualcosa. Comincia, cioè, a prendere la sua linea. Il trionfo contro il San Pelino, anche per il Mister, vale molto, se Trasacco vuole arrivare ai piani alti della classifica. – afferma  il team manager – Produrre punti fuori casa e in campi duri come questo non è affatto scontato: poche squadre, a mio avviso, vinceranno contro il San Pelino in casa». Inutile dire che, anche oggi, a San Pelino, v’era il 90% di Trasacco a seguire la squadra rossoblù in trasferta: a rimarcare il profondo legale che resiste tra chi gioca e chi supporta dagli spalti. Una sola è la fede, sotto l’ombra della Basilica. Il calcio viene cotto in tre ingredienti principali, in fondo: la passione, la determinazione e il paese che non lascia mai da sola la sua squadra del cuore.

Notizia a cura dell’addetta stampa Plus Ultra Mersia Angelini 

Altre notizie che potrebbero interessarti

Droga, denunciato 23enne trovato con marijuana e cocaina

Redazione IMN

Apoteosi Atletico Civitella, la Seconda Categoria è tua: festa di gol per il titolo di campioni

Kristin Santucci

Abruzzo, prodotti tipici in cattedra con la 18esima Sagra del Tartufo a Campovalano di Campli

Redazione IMN