INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS

Pescara: smantellata un’organizzazione di spaccio di droga, 7 gli arresti

La Guardia di Finanza di Pescara ha smantellato un’organizzazione, composta da rom e albanesi, specializzata nel traffico e spaccio di cocaina ed eroina, molto attiva a Pescara, e nelle vicine località turistiche del litorale teramano e sambenedettese. Sette le persone colpite dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Pescara, Nicola Colantonio, su richiesta del pm Gennaro Varone. I particolari sono stati resi noti nel corso di una conferenza stampa dal comandante provinciale della Guardia di Finanza, colonnello Francesco Mora, e quello della Compagnia di Pescara, capitano Sara Venturoni. In manette a Pescara sono finiti due rom, Sante Morelli, detto ‘Paccotto’, 57 anni, e Rosa Bevilacqua, 54, marito e moglie, entrambi pescaresi. Gli albanesi, invece, sono Vilson Pepa, 32 anni, Ermal Beqiraj 32 anni, e suo fratello Erjon 28 anni; sono stati arrestati nel Teramano e nella zona di San Benedetto del Tronto. Altri due albanesi sono al momento latitanti.

Il giro d’affari mensile dell’organizzazione raggiungeva i 100mila euro: ogni mese venivano smerciati 2-3 chilogrammi di droghe pesanti e oltre 5 chilogrammi di marijuana. Il gruppo si riforniva di droga proveniente da Albania, Germania e Olanda. L’organizzazione era talmente ‘spregiudicata e aggressiva’ che a quasi tutti gli affiliati è stata contestata la recidiva specifica e reiterata. Le misure cautelari eseguite oggi si aggiungono ad altri sette arresti già effettuati nel corso delle indagini, che hanno portato complessivamente a 36 denunce. Le indagini hanno preso il via da un sequestro di droga avvenuto a Pescara a settembre del 2014. L’indagine è poi proseguita anche attraverso le intercettazioni telefoniche (150 utenze monitorate in un anno e 10mila ore di conversazioni ascoltate) e le localizzazioni satellitari di 20 veicoli a disposizione del gruppo. I soldi venivano inviati in Albania, nascosti all’interno dei bagagli a bordo delle autolinee che effettuano collegamenti con l’Italia, probabilmente con la connivenza di qualche autista. Mora e Venturoni, hanno parlato di «una sorta di patto criminale tra i rom e gli albanesi». I rom gestivano la rete dello spaccio e gli albanesi si occupavano del rifornimento di droga, con approvvigionamenti all’estero. I due hanno evidenziato anche «il ruolo delle donne».

Bevilacqua, quando il marito era in carcere – nel 2015 fu arrestato per il tentato assalto della cassa del mercato ittico di Pescara – avrebbe continuato a gestire la rete dello spaccio.

Foto di: il Crotonese.it

Altre notizie che potrebbero interessarti

Censimento, il Comune di Avezzano cerca Rivelatori: domande entro il 30 agosto

Gioia Chiostri

Magliano dei Marsi: il 13 luglio torna il “Cappello delle donne”

Iniziativa per la sensibilizzazione contro la violenza di genere
Redazione IMN

L’Aquila: festa all’emiciclo per gli 80 anni dei vigili del fuoco

Redazione IMN