INFO MEDIA NEWS
NEWS PRIMA PAGINA Sport

Paterno Calcio: weekend col doppio sorriso, arrivano il portiere Pasqualino Cocuzzi e il difensore Andrea Falcone

falconeIl week end nerazzurro prosegue a suon di colpi di mercato. Il mister Tonino Torti può allungare la coperta, la società ha tesserato il portiere Pasqualino Cocuzzi e il difensore Andrea Falcone.

Cocuzzi, classe 1996, è pronto a concedere a se stesso la rivincita dopo la delusione della scorsa stagione. L’amara e sfortunata retrocessione del San Benedetto dei Marsi, squadra con la quale ha militato nella seconda parte di campionato, non ha giovato al morale del giovane portiere, che ha deciso di sposare l’importante progetto del Paterno dopo qualche esitazione iniziale: «Gli ultimi anni sono stati difficili – ha spiegato Cocuzzi – mi è capitato di avere grandi aspettative, ma spesso sono state disattese. La cosa peggiore è quando le promesse fatte non vengono mantenute. Al di là di questo però, sono pronto a rimettermi in gioco, e a fare grandi sacrifici per riuscire a fare grandi cose con la squadra. Conoscevo già il mister dai tempi dell’Avezzano, quando ero impegnato nel settore giovanile della Marsica Calcio, e quando ho ricevuto la chiamata del Direttore non ho potuto dire di no».

L’estremo difensore di Pescasseroli, ragazzo semplice, che quando non gioca a calcio lavora nell’albergo di famiglia, dopo le giovanili con la Marsica ha indossato le maglie del Castel di Sangro in Promozione, del Celano (due stagioni di D e una di Eccellenza), del Barrea in Prima Categoria e infine, appunto, per sei mesi, dei lupi del San Benedetto dei Marsi.

Andrea Falcone è invece un difensore classe 1998, 19 anni compiuti lo scorso 21 giugno. Per lui quello a Paterno è un ritorno più che gradito. La società ha scelto di riportarlo in nerazzurro dopo gli ultimi sei mesi trascorsi alla Virtus Teramo. Falcone vanta una trafila giovanile di lusso: scuola calcio partenopea con l’azzurro del Napoli e i Giovanissimi col Foggia. Poi la bella parentesi di Marcianise, fino all’arrivo ad Avezzano, alla vigilia dello scorso campionato.

«Ho avuto modo di conoscere l’ambiente lo scorso anno. – ha spiagato il bravo giocatore campano – Ripartire da qui significa lottare per un progetto serio, ambizioso. Sapevo già cosa avrei trovato e, come gli altri, sono più che pronto a mettermi a disposizione per raggiungere tutti gli obiettivi che la società si è prefissata. Voglio dare un contributo concreto, voglio rilanciarmi e fare di questa annata una stagione importante».

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Una domenica altruista a Trasacco: lo ‘Sport per unire’ mondi, distanze, cuori e persone speciali

Gioia Chiostri

Valle Peligna, WWF e Legambiente contro metanodotto SNAM: «Regione assente»

Due incontri per parlare della battaglia contro il progetto
Redazione IMN

Ecco i nomi dei due nuovi consiglieri segretari del Consiglio regionale

Redazione IMN