INFO MEDIA NEWS
EVENTI NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Pastorale Liturgica, convegno e rosario cittadino

In programma un nuovo percorso di formazione liturgico–musicale per le parrocchie marsicane. Due le date in agenda: il 3 maggio ci sarà un convegno di formazione e il 30 maggio un grande Rosario cittadino animato dai cori della diocesi

«L’entusiasmo e la grande partecipazione del cammino proposto lo scorso anno – riferisce don Franco Tallarico, direttore dell’Ufficio liturgico diocesano – hanno confermato quanto sia importante e necessario sostenere, incoraggiare e accompagnare il prezioso servizio svolto dai cori parrocchiali all’interno delle nostre comunità. L’animazione liturgica, se fatta con amore e preparazione, aiuta a camminare e a crescere nella preghiera comunitaria e nella lode al Signore». «È stato questo uno dei motivi –continua don Tallarico – per il quale quest’anno, si è deciso di proseguire con la formazione liturgico–musicale di coloro che svolgono questo importante ministero ecclesiale». Sono due gli appuntamenti in programma rivolti non solo ai coristi che svolgono servizio all’interno delle parrocchie ma anche ai sacerdoti, ai catechisti, agli animatori liturgici e musicali, e a tutti coloro che sono interessati e appassionati alla musica sacra. Il primo incontro, venerdì 3 maggio alle 21, nella chiesa del Sacro Cuore in San Rocco di Avezzano, sarà tenuto da monsignor Antonio Parisi, consulente per la musica sacra per oltre vent’anni presso l’Ufficio liturgico nazionale, attualmente membro della Consulta nazionale dell’Ufficio liturgico della Cei. Direttore da oltre 25 anni dell’Ufficio diocesano di musica sacra della diocesi di Bari–Bitonto e dell’Istituto di musica per la liturgia. Autore di circa 200 canti liturgici, tutti pubblicati dalle edizioni Paoline. Parisi terrà una conferenza sul canto e la musica all’interno della liturgia, ponendo particolare attenzione a spiegare le basi e il significato del canto liturgico e a come sia importante non partire dalla musica e fermarsi alla musica: ma partire dalla liturgia e inserirvi il canto e la musica. Sarà un momento di gioia, di crescita umana e spirituale. Dice papa Francesco: «Tante devozioni, tanti santuari e cappelle nei luoghi più reconditi, tante immagini sparse per le case ci ricordano questa grande verità. Maria ci ha dato il calore materno, quello che ci avvolge in mezzo alle difficoltà; il calore materno che permette che niente e nessuno spenga in seno alla Chiesa la rivoluzione della tenerezza inaugurata dal suo Figlio». Per questo il secondo incontro sarà un momento di preghiera dedicato a Maria e si terrà giovedì 30 maggio alle 21 in Cattedrale. Sarà un Rosario cittadino animato da tutti i cori parrocchiali della diocesi. Il Rosario sarà presieduto dal vescovo Pietro Santoro e sarà aperto a tutta la diocesi. Si ripercorreranno cinque momenti significativi della vita di Cristo, i «misteri luminosi»: il Battesimo nel fiume Giordano; la sua auto–rivelazione alle Nozze di Cana; l’annuncio del Regno di Dio con l’invito alla conversione; la sua Trasfigurazione; l’istituzione dell’Eucaristia, espressione sacramentale del mistero pasquale. L’intero percorso sarà un’occasione di incontro, di crescita e di condivisione delle realtà corali e musicali presenti nelle realtà parrocchiali per il ministero liturgico–musicale.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Chieti, la fontana si accende di viola per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dei parti prematuri

Gioia Chiostri

L’Aquila Calcio-Battistini: domani la presentazione alla stampa

Alice Pagliaroli

VIDEO. Rivoluzione culturale a Celano: verso una scuola civica di musica

Kristin Santucci