INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Parrucchieri, barbieri ed estetisti: ecco il protocollo per la sicurezza

Attività solo su appuntamenti e con l'obbligo di mascherina

Semaforo verde per le attività di acconciatori, estetisti, tatuatori e centri benessere a partire dal 18 maggio. Con l’ordinanza numero 56, firmata da Marsilio nella giornata di ieri, la Regione Abruzzo anticipa il governo e predispone il piano di riapertura di migliaia di attività commerciali messe in ginocchio dal lockdown.

Ripartenza vincolata a rigidi protocolli da seguire in materia di norme igienico-sanitarie. Le attività dovranno svolgersi “esclusivamente su appuntamenti (telefono, app, social o email) dilazionati nel tempo” per evitare assembramenti all’esterno dei locali, mentre all’interno sarà permessa la presenza di un cliente alla volta. I clienti dovranno compilare il modulo di autocertificazione aggiornato al D.P.C.M. che sarà conservato dai titolari fino alla fine dell’emergenza. L’ingresso sarà consentito soltanto con l’uso di mascherina, obbligatoria anche per il titolare così come i guanti monouso. I minori potranno essere accompagnati da un adulto.

I locali dovranno essere sanificati almeno due volte al giorno e “comunque in funzione dell’affluenza, dei turni di lavoro e degli impianti di areazione, ponendo particolare attenzione anche alle superfici di contatto comuni quali porte, maniglie, corrimano, ecc.”.

All’interno dei locali dovrà essere presente materiale informativo sulle misure di igiene da adottare per evitare il contagio, oltre a dispenser per detergere mani e/o guanti monouso.

Le aperture daranno consentite dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 21.

Clicca qui per leggere il testo completo dell’ordinanza.

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. L’Avezzano Rugby accende i motori: più grinta per la ‘B’ e più valore ai giovani della ‘famiglia’ giallonera

Gioia Chiostri

A Collelongo strade con nuovi nomi

Una iniziativa del sindaco Rosanna Salucci per identificare nuove vie
Redazione IMN

Test di ingresso a Medicina: in migliaia pronti a presentare ricorso

Redazione IMN