INFO MEDIA NEWS
Cultura NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

“Parcovie 2030: La transumanza che unisce”

Presentato oggi a Palazzo dell'Emiciclo il progetto “Parcovie 2030 – La Transumanza che unisce”

E’ stato presentato oggi a Palazzo dell’Emiciclo il progetto “Parcovie 2030 – La Transumanza che unisce”. Sono intervenuti il Presidente del Consiglio regionale, il Sindaco dell’Aquila, l’Assessore alla cultura del Comune di Sulmona ed il Presidente del Parco Nazionale della Majella. Dopo aver ottenuto il riconoscimento immateriale UNESCO della Transumanza, l’11 dicembre 2019, il partenariato costituto ad hoc si è impegnato per “Tutelare e promuovere l’elemento Transumanza anche sotto l’aspetto materiale dal grande valore scientifico – ha precisato il Presidente dell’Assemblea abruzzese – che vedrà il 30 a L’Aquila ed il 31 a Sulmona la presenza e partecipazione anche degli altri Presidenti del consiglio delle Regioni interessate”. La progettazione condivisa da numerose Regioni italiane, si pone innanzitutto l’obiettivo di valorizzare le strade e le vie in un’ottica culturale e di valenza sociale con un progetto ambizioso per inserire nella programmazione 2030 questi percorsi identitari capaci di costruire una via internazionale dei pastori che sia “l’essenza di un processo futuro pari al cammino di Santiago di Compostela”. Questo processo mira a coinvolgere l’identità territoriale, le aree interne, i piccoli borghi oltre alla tutela ambientale. Sono quattro i pilastri sui quali fonda la progettazione: Storia e Cultura, tradizioni e sociale, ambiente e paesaggio, viaggi e turismo. Su queste basi nasce il programma di cooperazione transnazionale delle Terre Rurali d’Europa che si sviluppava sui grandi assi viari della storia in Europa e nel bacino del Mediterraneo dove: “Le grandi strade erbose che collegano la maggior parte dei parchi nazionali e regionali, le aree protette italiane, ma anche delle altre nazioni partner del programma – ha precisato il Presidente del Consiglio – diventeranno elementi di attrazione di capitali”. Nasce così il progetto di cooperazione interregionale “PARCOVIE 2030” da candidare subito per recepire i nuovi finanziamenti della programmazione nazionale: PON, Recovery Plan, next Generation, Cis, CiPE, per aggiungere in via preliminare l’obiettivo di coinvolgere le istituzioni e fortificare il partenariato di base. Ad aprire il calendario degli eventi sarà, nella sala “S. Spagnoli” del Consiglio regionale a L’Aquila lunedì 30 agosto alle 17, la presentazione ufficiale con la sottoscrizione del partenariato e del progetto “Parcovie 2030”. Hanno aderito all’iniziativa oltre al Consiglio regionale dell’Abruzzo anche: Basilicata, Lazio, Molise, Puglia, Campania, Calabria. La presentazione al pubblico del programma del partenariato avverrà in serata nell’ambito dell’evento di chiusura della Perdonanza Celestiniana. Martedì 31 agosto dalle 17.30, all’Abbazia di Santo Spirito al Morrone si terrà il convegno scientifico su “Ruolo della Transumanza e prospettive di rilancio del settore”. Dopo i saluti istituzionali prenderà la parola il Presidente del Parco nazionale della Maiella Lucio Zazzara che parlerà de “La Transumanza nella Regione dei Parchi”. A seguire sono previsti gli interventi di Aurelio Manzi su “Le grandi trasformazioni ambientali legate alla pastorizia transumante” e di Francesco Sabatini su “Transumanza: distacchi e flussi di cultura”. Sarà poi inaugurato lo spettacolo multi visione “La Transumanza in Italia – Anteprima del Museo della Transumanza” che rimarrà aperto al pubblico nell’Abbazia fino al 31 dicembre 2021. Per concludere la serata, alle 21:15 ci sarà lo spettacolo “I ritmi della terra” al Parco “Augusto Daolio” di Sulmona.

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Ecco come cambia Collelongo, il sindaco fa il punto ad un anno e mezzo dal suo insediamento

Gioia Chiostri

La Pinguino Nuoto entra nel circuito nazionale del Wellness

Il centro sportivo ha aderito al Weekend Mondiale del Benessere organizzato dal CIWAS
Redazione IMN

Incidenti mortali lungo la SS 690, «Quali iniziative assumerà il Governo per avere più sicurezza?»

Gioia Chiostri