INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Parco Maiella: primo sentiero ‘parlante’ dell’Orso

Realizzato insieme a Wwf Italia grazie a progetto 'Life Arcprom'

E’ lungo circa 4 Km con percorso ‘ad anello’, si sviluppa tra i 1.000 e i 1.200 metri di quota, in gran parte su strada campestre in ambiente aperto, nel bosco si snoda su una mulattiera a fondo terroso.

E’ il “Sentiero dell’Orso” realizzato dal Parco Nazionale della Maiella con il Wwf Italia grazie al progetto Life Arcprom, finalizzato al miglioramento del rapporto uomo-orso, e inaugurato ieri a Campo di Giove (L’Aquila).

Attraversando gli ambienti che fanno parte dell’habitat dell’orso bruno marsicano si incontrano 6 soste ‘parlanti’, con totem a tre facce che forniscono informazioni sull’orso, le sue abitudini alimentari, la sua esistenza scandita dal susseguirsi delle stagioni e le regole per una buona coesistenza.

“Quella tra uomini e orsi è una convivenza bella e possibile, ma è importante conoscere questo meraviglioso grande mammifero che vive nell’Appennino e seguire alcune regole di comportamento – spiega il direttore del Parco Luciano Di Martino – Il sentiero è stato realizzato grazie al progetto europeo Life Arcprom, il Parco ha poi deciso di investire anche fondi propri per installazioni interattive con elementi di focus verso i più giovani. E’ un sentiero escursionistico, per tutti, dedicato all’orso bruno marsicano in modo che, chi è interessato, possa migliorare le proprie conoscenze anche divertendosi”.

“La presenza costante dell’orso sulla Maiella è un dato acclarato – aggiunge il vicepresidente del Wwf Italia Luciano Di Tizio – che aumenta le speranze di sopravvivenza del plantigrado cui soltanto un ampliamento dell’areale potrà garantire un futuro meno problematico. Wwf e Parco Maiella lavorano insieme per favorire una tranquilla coesistenza tra attività umane e una specie di fondamentale importanza per la biodiversità”.

Il Parco della Maiella è una delle più importanti aree di espansione dell’orso bruno marsicano la cui popolazione è in pericolo critico di estinzione: circa 60 gli individui nel 2014.

Il ruolo del Parco è favorirne l’arrivo dall’areale storico, che coincide con il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, e di mettere in atto tutte le misure di conservazione per favorire sopravvivenza e riproduzione.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Spaccio, arresto in flagranza di reato

L'uomo è stato sorpreso dai militari in una zona periferica della città
Redazione IMN

Casa “Fratelli tutti”, Comune a sostegno della Caritas

Santoro: “Anche nella persona più malridotta c’è l’immagine di Dio”
Redazione IMN

Morino, attivazione uso civico stagione 2020

Il Comune sta provvedendo alla prenotazione della legna di uso civico per la stagione
Redazione IMN