INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Orso ucciso a Pettorano sul Gizio, c’è responsabilità civile

La sentenza della Corte d'Appello dell'Aquila ribalta quanto stabilito in primo grado. E' stata emessa condanna civile.

La vicenda dell’Orso ucciso a Pettorano sul Gizio nel 2014 si chiude con l’accertamento della responsabilità civile dell’imputato, sancita con la sentenza della Corte d’Appello di L’Aquila del 22 luglio che ribalta quanto stabilito con la sentenza di I grado. Ad annunciarlo in una nota stampa, l’associazione WWF Abruzzo.

“Esiste un colpevole per l’Orso ucciso e l’imputato dovrà risarcire i danni alle Associazioni”, così si legge nella nota stampa.

“Per un vizio di forma che ha provocato l’inammissibilità dell’appello proposto dal Procuratore generale, unico modo per ottenere una condanna penale, la condanna è solo civile ed è stata possibile proprio grazie al fatto che le Associazioni ambientaliste WWF Italia, LAV e Salviamo l’Orso avevano impugnato la sentenza di I grado e avviato l’appello per la condanna civile”, si legge ancora.

“Esprimiamo la nostra soddisfazione per questa sentenza – dichiara Filomena Ricci, delegato regionale del WWF Abruzzo – che al di là degli aspetti formali, condanna in maniera inequivocabile chi ha imbracciato un fucile e sparato a un Orso. È la prima volta che in un processo indiziario per lo sparo a un Orso bruno marsicano si accerta una responsabilità, seppure solo civile, e si infligge una condanna. Ci auguriamo che questa vicenda giudiziaria ribadisca l’importanza della tutela della fauna selvatica e dell’Orso marsicano in particolare e non veda più impuniti gli episodi a danno degli animali selvatici”.

“Questa è una sentenza destinata a creare un precedente giurisprudenziale importante in tema di uccisione di animali selvatici – continua l’Avvocato Michele Pezone, che ha rappresentato le Associazioni ambientaliste nel processo – Si è arrivati a questo risultato grazie a esami e prove scientifiche, quali analisi medico-veterinarie, autopsia, consulenze balistiche. L’esito del giudizio ripaga dell’impegno profuso in questa vicenda e sottolinea la grande attenzione che merita un animale come l’Orso marsicano, simbolo della nostra Regione”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Pescina, stato di agitazione per le sorti del PTA

Zauri: "I vertici aziendali dell’ASL hanno preferito non utilizzare le strutture sanitarie di ...
Redazione IMN

Covid Abruzzo, in un mese +500% di casi attivi

Più di 5 mila gli attualmente positivi in tutta la Regione, aumento record dei nuovi contagi
Redazione IMN

Mario Quaglieri vince battaglia contro il Covid

L'ex sindaco di Trasacco e presidente della quinta Commissione risultato negativo al secondo tampone
Redazione IMN