INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Operazione antidroga: 3 misure cautelari all’Aquila

Accuse a vario titolo. L'operazione è scattata all'alba di oggi. I carabinieri hanno ricostruito, con le indagini partite nell'inverno scorso, il traffico e lo smercio della cocaina che ha riguardato le zone di Coppito e luoghi di maggiore aggregazione della città.

Questa mattina, in L’Aquila e Colle Val D’Elsa (SI), i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di L’Aquila hanno dato esecuzione a 3 ordinanze di custodia cautelare, emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di L’Aquila, su richiesta della locale Procura della Repubblica – (di cui 1 in carcere e 2 agli arresti domiciliari) nei confronti di altrettante persone, ritenute responsabili, a vario titolo, di concorso nel reato di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina.

L’indagine si è sviluppata lo scorso inverno a seguito dell’arresto in flagranza di spaccio di sostanza stupefacente di un appartenente al gruppo, avvenuto in Coppito e al conseguente recupero di circa 8 mila in contanti, frutto, come poi riscontrato, del commercio illecito posto in essere dai coindagati.

Le indagini, anche da un punto di vista tecnico con l’analisi dei cellulari sequestrati, ha dato modo ai militari di ricostruire il traffico e lo smercio della “cocaina” che ha riguardato le zone di Coppito e luoghi di maggiore aggregazione della città.

Gli indagati coinvolti venivano contattati dagli acquirenti specialmente sulle piattaforme social, nel tentativo di sfuggire ai controlli telefonici. I successivi incontri con i compratori hanno interessato sempre luoghi differenti, raggiunti dagli spacciatori con le sole dosi necessarie alle singole vendite: tale accorgimento è stato attuato al fine di subire una semplice segnalazione come assuntori qualora incappassero in controlli di polizia.

L’attuale ordinanza applicativa di misure cautelari personali è frutto di un’articolata indagine sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di L’Aquila, attraverso la quale gli investigatori hanno raccolto numerosi elementi di prova a carico degli indagati.

Il G.I.P. del Tribunale di L’Aquila, cui è stata avanzata richiesta delle misure custodiali, ha concordato appieno le risultanze investigative, giungendo così all’emissione dei provvedimenti restrittivi anche in ordine alla ravvisata pericolosità sociale e attualità delle condotte delittuose.

Nel corso dell’intera indagine sono stati recuperati e sequestrati cospicui quantitativi di stupefacente e danaro contante frutto delle reiterate cessioni condotte nel corso dei primi mesi dell’anno.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Divieto di accesso Valle Majelama, “decisione inattesa”

Divieto anche per sentieri Monte Cafornia e Peschio Rovicino della Riserva di Monte Velino. Cai di ...
Redazione IMN

Piazza Risorgimento, Di Cintio: “Stato indecoroso”

Redazione IMN

VIDEO. Poste ‘sguarnite’ a Trasacco: il sindaco punta i piedi, la soluzione in un full-time dell’organico?

Gioia Chiostri