INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Ombra sul Taekwondo celanese: «Sono amareggiata come Amministratore»

Direttamente dalla Corea del sud, il nuovo e largamente diffuso sport del Taekwondo è approdato nella città di Celano. Il 10 ottobre scorso, infatti, la Demo Team Corea Italian Tour ha scelto proprio questo Comune abruzzese al fine di promuovere la nuova ed originale arte marziale. La squadra nazionale coreana si è esibita brillantemente di fronte a numerosi spettatori così come aveva già fatto alla presenza del Santo Padre.

L’Amministrazione comunale nella persona di Barbara Marianetti ha patrocinato l’evento e collaborato fattivamente alla richiesta della F.I.T.A. e del Presidente Regionale Ennio Cotturone proprio perché si tratta di un progetto che lega lo sport ai valori che la stessa Marianetti ha inteso attribuire al proprio programma politico-amministrativo: solidarietà, aiuto reciproco, crescita globale della persona. Con questo spirito hanno partecipato all’iniziativa diverse realtà abruzzesi di questa disciplina, in particolare per la Città di Celano, in cui il taekwondo è una specialità sportiva in forte incremento c’erano il team Cotturone e il Team Di Venanzio. Nonostante l’iniziativa abbia avuto un esito molto positivo e sia stata accolta con entusiasmo dalla Città, l’Amministrazione evidenzia con profondo rammarico come il Presidente Regionale F.I.T.A., Ennio Cotturone non si sia distinto per un comportamento, almeno nei principi, coerente con quanto pubblicamente dichiarato.

Il Consigliere Marianetti infatti, afferma: «Sono amareggiata come Amministratore, per la gestione di un evento di cui, Ennio Cotturone, ha descritto pubblicamente gli obbiettivi: includere, coinvolgere, ispirarci. Ha inaspettatamente escluso tutti i rappresentanti di questo sport convenuti a Celano per l’evento con i quali mi sono dovuta scusare dopo averli visti assistere passivamente alla manifestazione. Ne è prova il diniego che ho ricevuto alla richiesta di includerli, almeno nella foto finale di gruppo, nella quale ovviamente c’erano solo i fratelli Cotturone. Altro che inclusione – conclude la Marianetti – il Presidente si è ben guardato anche dall’esporre i loghi del Comune di Celano nel materiale cartaceo pubblicitario».

Una delusione, quindi, che ha gettato un’ombra nera di amarezza sulla mega manifestazione sportiva celanese.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Amministratori di Lazio e Abruzzo di nuovo in rivolta: programmata manifestazione pro autostrade il 5 dicembre al Mit

Redazione IMN

Voci dal Comune, Di Pangrazio bacchetta De Angelis: «Il suo tentativo di giustificare la sua sterzata a destra fa sorridere»

Redazione IMN

Il mercato del sabato ad Avezzano

Tra mille polemiche arriva la proposta dei dissidenti
Redazione IMN