INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Oggi la tavola rotonda dei sindaci sulla Sanità marsicana

Alle ore 18, quasi tutti i sindaci del bacino marsicano si riuniranno nella sala consiliare del Comune di Scurcola Marsicana per approntare una strategia. Resta l'amaro in bocca e la preoccupazione per la riapertura dimezzata dei due PPI di Pescina e di Tagliacozzo. "Chi non ha tutelato, sin da subito, i nostri presidi, deve tornarsene immediatamente a casa".

Questo lunedì 1 giugno, sicuramente segnerà una svolta di un qualche tipo, sul fronte territoriale. Quasi la totalità dei sindaci della Marsica, di fatti, si riunirà a Scurcola Marsicana, nella sala consiliare, per approntare e mettere nero su bianco una strategia “di lotta” condivisa, mirata alla difesa della Sanità locale. I sindaci, cioè, chiederanno, a seguito della riunione di oggi pomeriggio, in agenda per le ore 18, una “Sanità migliore per i nostri territori. Chiederemo innanzitutto la sicurezza dei nostri presidi, per gli operatori che vi lavorano e per tutte quelle persone che, per tutelare la propria salute, dovranno farvi ricorso”. Così i due primi cittadini maggiormente coinvolti dai recenti fatti, ossia il sindaco di Tagliacozzo, Vincenzo Giovagnorio, e il sindaco di Pescina, Stefano Iulianella.

“Chiederemo che gli unici PPI della Regione Abruzzo che sono restati chiusi durante tutta l’emergenza Covid-19, vengano immediatamente riaperti e messi nelle condizioni di operare h24. Chiederemo che chi doveva fare, sin da subito tutto ciò, e non l’ha fatto, smetta di essere pagato con i nostri soldi e se ne torni immediatamente a casa”.

Anche il sindaco di Scurcola Marsicana, Maria Olimpia Morgante, è pronta alla battaglia. “Quando – dice – ho letto il comunicato sulla riapertura parziale dei due PPI di Tagliacozzo e Pescina mi è schizzato il sangue al cervello! Ma veramente pensano che qui ci siano persone che assistono a questi miseri balletti di “faccio non faccio”, “apro non apro” come se gli ospedali fossero centri di bellezza dove uno ci si reca per puro piacere? Ma veramente i consiglieri regionali del territorio credono di poter trattare così le persone che hanno dato loro fiducia? Basta, inizino a fare seriamente i rappresentanti di questo territorio perché più di me,essendo loro del mestiere, sanno benissimo che livelli di assistenza abbiamo. È un vero pugno allo stomaco questo provvedimento, ammesso anche che vada a buon fine, visti come sono finiti tutti gli altri proclami con cui si sono riempite le bocche. Io sono al fianco dei sindaci di Pescina e Tagliacozzo e di chiunque altro voglia mettere in campo le proprie energie per riportare questo territorio, la Marsica, ad essere invidiato per le eccellenze che vi operano”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Ricostruzione, Marsilio scrive al premier Conte

Il governatore: "Nel Decreto Semplificazione non c'è traccia di interventi per la ricostruzione"
Redazione IMN

Scomparsa Gabriele Tedeschi: il messaggio della CGIL

Tedeschi era il presidente dell’Ordine forense della città di Sulmona. L’intera comunità peligna si ...
Redazione IMN

“Istituire la zona rossa a Sulmona”

Questo è l'appello del sindaco di Sulmona, Annamaria Casini. Inviata la richiesta alla Regione ...
Redazione IMN