INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Oggi la Giornata internazionale degli avvocati in pericolo

Aiga Avezzano: "Avvocati: uomini e donne che hanno scelto una strada maestra, quella del diritto della difesa. Avvocati minacciati che indossano la Toga con fierezza". Il premier Conte: "A tutti sia riconosciuto il diritto di avere diritti".

Si riparte con le udienze ad Avezzano

“Ogni giorno donne e uomini in tutto il mondo varcano la soglia di un Tribunale nella ferma e decisa consapevolezza della loro funzione sociale, del ruolo imprescindibile che hanno nel delicato equilibrio che deve guidare verso l’affermazione della giustizia. Donne e uomini, AVVOCATI, che anteponendo a tutto l’esercizio del diritto di difesa si espongono arrivando a pagare con la propria vita le ragioni di una scelta, quella di indossare la toga, e di essere difensori di uno stato di diritto che senza la classe forense non potrebbe esistere”. Oggi, sulla sua pagina social l’Aiga di Avezzano testimonia con queste parole la tristissima ricorrenza del massacro di Atocha – di impatto mondiale – avvenuto a Madrid, del 24 gennaio del 1977. Vennero uccisi 5 avvocati esperti di diritto del lavoro, nel periodo di transizione tra la dittatura franchista e la democrazia.

“Non sono passati molti mesi dall’assassinio di Monferrier Dorval, presidente del Collegio degli avvocati di Haiti, ucciso il 28 agosto del 2020 da un gruppo di terroristi perché fermo sostenitore di una riforma costituzionale tesa alla giustizia sociale, alla riaffermazione del valore della vita umana come diritto irrinunciabile dello Stato“, si legge nella nota diramata all’Aiga.

“Avvocati minacciati, aggrediti, uccisi per il solo fatto di aver deciso di indossare la Toga con la fierezza e la determinazione che la tutela dei diritti dei cittadini deve essere la strada maestra di ogni Stato Sociale ed è l’unica vera certezza di valorizzazione della vita umana sotto ogni aspetto.
Oggi, 24 gennaio, si celebra la Giornata Internazionale degli Avvocati in pericolo e l’Aiga, nel ricordare tutti i colleghi che hanno subito minacce e violenze, che sono stati uccisi per aver lottato e creduto in uno Stato di diritto, per l’affermazione della giustizia sociale, e per la difesa dei diritti dei loro assistiti, auspica che l’affermazione del diritto all’esercizio di difesa possa scuotere le coscienze e trovare effettiva concretizzazione”, questa la conclusione.

Oggi, in occasione della triste ricorrenza, il Premier Conte si è espresso così pubblicamente: “Il 24 gennaio del 1977 a Madrid cinque avvocati giuslavoristi furono uccisi nella “matanza de Atocha”, durante gli anni che segnarono il passaggio dalla dittatura franchista alla democrazia. A loro è dedicata la “Giornata internazionale degli avvocati in pericolo” che si celebra oggi, con l’obiettivo di tenere accesi i riflettori su tutti quegli avvocati che vengono minacciati e uccisi in ogni parte del mondo per il solo fatto di esercitare in modo indipendente e autonomo la loro professione. Donne e uomini che si battono coraggiosamente non solo in Paesi come il nostro dove lo stato di diritto e i diritti fondamentali sono costituzionalmente garantiti, ma soprattutto laddove il percorso per l’affermazione, la tutela degli stessi e il diritto a un giusto processo è irto di ostacoli. Il pensiero oggi va a tutte le avvocatesse e agli avvocati impegnati quotidianamente, anche a rischio della propria incolumità, perché a tutti sia riconosciuto il “diritto di avere diritti” e perché la tutela dei diritti sia effettiva”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Croce Rossa Italiana in festa ad Avezzano: alla scoperta di un mondo che è tutto un universo

Gioia Chiostri

Ospedale Castel di Sangro, giovedì riprende raccolta sangue

La direzione Asl ha dato il via libera all’ospedale di riprendere l’attività dei donatori di ...
Redazione IMN

34esima Atri Cup: orgoglio sportivo ma anti-Covid

Maxi contenitore sportivo di eventi per atleti ipo-dotati e diversamente abili. Oggi la ...
Redazione IMN