INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Nuovo Dpcm: Italia a 3 colori, l’Abruzzo nell’area gialla

Il nuovo Dpcm entrerà in vigore a partire da questo venerdì. Misure valide fino a dicembre. E' ufficiale, quindi, il testo del nuovo Decreto. In vigore area gialla, arancione e rossa, in base alla pericolosità del contagio e alla tenuta del sistema sanitario regionale.

Italia divisa in tre, anzi Italia a tre colori, in base al peggiore o al migliore coefficiente di rischio, connesso all’allarme sanitario del Coronavirus. Non più un lockdown generalizzato, come abbiamo imparato a conoscere nei primi mesi dell’emergenza, ma un lockdown a strati, se vogliamo, in base più che altro a due fattori: 1) andamento del contagio nella Regione, sostenibilità del proprio sistema sanitario. Il premier Conte, in diretta da Palazzo Chigi ha illustrato questa sera le misure atte a rallentare la circolazione del virus, in attesa di terapie risolutive e all’efficacia del vaccino. Conte ha specificato che adesso rispetto ai primi mesi dell’emergenza, il Governo, in accordo con il comitato tecnico scientifico, può contare su un Piano di monitoraggio della curva ben articolato che si basa 21 parametri: la bussola dell’Italia. Afferma Conte: “Se introducessimo misure uniche su tutto il territorio nazionale, produrremmo un duplice effetto negativo: imporre misure troppo restrittive laddove la situazione è meno grave e misure poco efficaci in quelle zone a rischio elevato”.

Per questo motivi, il governo ha deciso di suddividere L’Italia in tre macro aree specifiche, ognuna con propri parametri e proprie misure di prevenzione e contenimento: Area Gialla, arancione e rossa.

Le misure entreranno in vigore a partire da questo venerdì (6 novembre).

Quindi, un giorno per riorganizzare le proprie attività.

Area Gialla: dove c’è l’Abruzzo, sarà vietato circolare dalle ore 21 alle ore 5 del mattino. Chiudono musei e mostre. Per le scuole superiori di secondo grado si passa alla didattica a distanza al 100%. Per i mezzi di trasporto è consentito il riempimento fino al 50%, eccetto per le corse scolastiche.
Asporto consentito fino alle ore 22. Restano aperti i centri sportivi.

Area arancione (criticità medio-alta): Puglia e Sicilia. Divieto di circolare dalle ore 22 alle ore 5 del mattino. Vietato spostarsi da un comune all’altro e da una Regione all’altra salvo comprovati motivi di salute, lavoro o impellenti necessità che non possono essere soddisfatte nel proprio Comune di Residenza. Chiudono bar e ristoranti sette giorni su sette, possono però operare per l’asporto. Chiuse le università, palestre e piscine mentre restano aperti centri sportivi.

Area Rossa (criticità alta): Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle D’Aosta. E’ vietato ogni spostamento in qualsiasi orario, chiudono bar e ristoranti, non ci sono restrizioni per la consegna a domicilio, Chiudono anche i negozi, ad eccezione di quelli che vendono beni di prima necessità. Aperti parrucchieri ed estetiste. Chiusi i centri estetici. Didattica a distanza anche per gli alunni di seconda e terza media. Tutti i corsi universitari proseguiranno a distanza specifiche eccezioni come laboratori o tirocini. Sospese tutte le competizioni sportive, tranne quelle riconosciute di interesse nazionale dal Coni e dal Cip.
Attività sportiva possibile solo all’aperto, esclusivamente in forma individuale.

Nell’ultima settimana, il numero di nuovi casi è quasi raddoppiato.
Non ci sono Regioni in aree verdi, perché la pandemia corre ovunque.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Lutto per la famiglia Di Pangrazio: scompare il padre del presidente del Consiglio e dell’ex sindaco di Avezzano

Gioia Chiostri

VIDEO. A Celano oggi verrà presentato ‘Il Progetto’: più di 30 milioni di euro in ballo per il nuovo volto della città

Gioia Chiostri

VIDEO. Il ‘Mun’ di Magliano de’ Marsi spalanca le porte alla disabilità: due progetti di lavoro per lavorare sull’umanità

Gioia Chiostri