INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Nuovo decreto, regole da domani al 15 gennaio

Riapertura negozi e centri commerciali, coprifuoco tra le 22 e le 5, abbassate le soglie di Rt

Ultimo giorno di zona rossa oggi.

Da domani, fino al 15 gennaio, con il nuovo decreto Covid, entrano in vigore misure e regole previste dal provvedimento appena varato.

Domani e dopodomani, 7 e 8 gennaio, arriva la ‘zona gialla rafforzata’, poi torna la zona arancione nel weekend del 9 e 10 gennaio.

Oltre al coprifuoco tra le 22 e le 5, per tutto il periodo coperto dal provvedimento saranno vietati gli spostamenti tra regioni o province autonome diverse, tranne che per “comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute” documentabili con l’autocertificazione. È ammesso il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

No, invece, agli spostamenti verso le seconde case che si trovano in un’altra regione o provincia autonoma.

I bar e i ristoranti potranno essere aperti fino alle 18, poi saranno consentiti l’asporto e la consegna a domicilio.

Riapertura anche per i negozi e i centri commerciali.

Ma per chi è in zona rossa, ha spiegato Palazzo Chigi, sarà possibile andare a trovare amici e parenti solo nel proprio comune.

Il testo prevede che dal 7 al 15 gennaio – si legge nel passaggio modificato – nei territori inseriti nella cosiddetta ‘zona rossa’, sia possibile spostarsi, una sola volta al giorno, in un massimo di due persone, verso una sola abitazione privata del proprio comune.

Alla persona o alle due persone che si spostano potranno accompagnarsi i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con queste persone convivono”.

Nel weekend del 9 e 10 gennaio i nuovo decreto prevede l’introduzione di una zona arancione, con restrizioni per bar e ristoranti.

Resta ferma, per tutto il periodo compreso tra il 7 e il 15 gennaio 2021, l’applicazione delle altre misure previste dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020 e dalle successive ordinanze.

Inoltre, il testo rivede i criteri per l’individuazione degli scenari di rischio sulla base dei quali saranno applicate le misure previste per le zone ‘arancioni’ e ‘rosse’.

Sono infatti state abbassate le soglie di Rt previste per il passaggio da zona gialla a arancione e poi a rossa: i limiti oggi previsti a 1,50 e 1,25 sono stati portati rispettivamente a 1,25 e 1,00).

Il testo interviene inoltre sull’organizzazione dell’attività didattica nelle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado, con la previsione della ripresa dell’attività in presenza, per il 50 per cento degli studenti, a partire dal prossimo 11 gennaio

Altre notizie che potrebbero interessarti

Polizia provincia dell’Aquila, omaggio a San Michele Arcangelo

Cerimonia nella chiesa di Santa Maria del Suffragio
Redazione IMN

Vaccino meningococco B, Pietrucci: «Estenderemo la vaccinazione anche alle altre fasce d’età»

Redazione IMN

A14, Cipolletti: “Chiesto tavolo unità di crisi”

E’ stato fatto presente nel corso del vertice convocato a Silvi
Redazione IMN