INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Discoteche, riaprono con presenza massima del 35%

Domani si riunisce il Consiglio dei Ministri. All'aperto, invece, in zona bianca le sale da ballo potranno riaprire con una capienza massima del 50%. Si alza però la polemica dei gestori: "L'importante è riaprire ma così le condizioni non sono favorevoli, perché incideranno sui costi".

Il Cts ritiene che le attività delle sale da ballo possano essere consentite in zona bianca garantendo una presenza, compreso il personale dipendente, pari al 35% della capienza massima al chiuso e al 50% all’aperto, oltre all’utilizzo del Green pass e l’utilizzo della mascherina chirurgica nei vari momenti ad eccezione del ballo, paragonabile alle attività fisiche al chiuso.

E’ quanto fa sapere in sintesi il Comitato tecnico scientifico – anticipazioni riportate anche su Ansa.it – al termine della seduta di ieri che ha analizzato la richiesta di parere sulle attività che hanno luogo in sale da ballo, discoteche e locali similari.

MA QUANDO CI SARA’ LO START EFFETTIVO? – La data della ripartenza sarà decisa dal Governo e gli esperti ritengono che “se ne possa considerare l’apertura con una progressiva gradualità“. Sicuramente, restano obbligatorio nelle discoteche l’uso obbligatorio dei bicchieri monouso, la possibilità di frequente igienizzazione delle mani e la pulizia e la sanificazione dei locali. Evergreen l’utilizzo della mascherina chirurgica nei vari momenti ad eccezione del ballo, paragonabile alle attività fisiche al chiuso.

Già lo scorso giugno il Comitato tecnico scientifico si era pronunciato favorevolmente alla riapertura delle sale da ballo (in quel caso solo all’aperto), rinviando alla politica però la scelta della data. Ma il provvedimento in questi mesi non è mai arrivato, scatenando l’ira dei gestori delle discoteche.

Gli stessi gestori, però, restano delusi dai tanti vincoli già apparsi all’orizzonte: “L’importante è riaprire ma così le condizioni non sono favorevoli – sostiene Maurizio Pasca, presidente del Silb, il sindacato dei gestori delle sale da ballo – perché incideranno sui costi. Mi auguro che in sede di Cdm si possano rivedere le percentuali sulla capienza nei prossimi giorni. Altrimenti in queste condizioni per molti sarà difficile riaprire”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Covid-19, in Abruzzo un nuovo caso: è nel Teramano

Dall'inizio dell'emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 101814 test.
Redazione IMN

Rifiuti da Roma in Abruzzo, parla Di Natale: «Nessun aumento del conferimento nel nostro Comune»

Redazione IMN

Maturità 2020, Croce Rossa Italiana in campo per la scuola

La Croce Rossa Italiana a supporto dei presidi e insegnanti. Il lavoro della CRI per garantire i ...
Redazione IMN