INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Nas, scatta operazione in Italia locali inadeguati e farmaci scaduti

Segnalati 3 responsabili delle Asl anche in Abruzzo. In tutta la Regione, i Nas di Pescara hanno ispezionato 24 servizi di continuità assistenziale.

Controlli NAS Pescara: segnalato titolare azienda agricola

Il Nas di Pescara ha segnalato 3 responsabili delle ASL per aver mantenuto in attività altrettanti sedi erogative dei servizi di continuità assistenziale in provincia di Pescara e Teramo, nonostante criticità emerse nel corso di precedenti ispezioni dei carabinieri.

Sono state riscontrate, nel corso del controllo dei militari, anche carenze nelle dotazioni di sicurezza (assenza di porta blindata, del sistema di allarme a chiamata), nella dotazione di farmaci (assenza di diversi medicinali, set per chirurgia ambulatoriale monouso e sterilizzabili, sterilizzatrice e ghiaccio secco) e nell’applicazione delle prescrizioni anti-Covid-19 (assenza protocollo operativo, di termometro per la rilevazione della temperatura corporea). ù

Segnalate, infine, sempre dagli uomini del Nucleo Antisofisticazione e Sanità, anche carenze strutturali nell’erogazione di acqua calda sanitaria, presenza di crepe alle pareti e assenza del frigorifero per la conservazione dei farmaci. Le verifiche hanno riguardato tutto lo Stivale: in totale sotto la lente d’ingrandimento dei Carabinieri ben 99 strutture con locali inadeguati e con farmaci scaduti.

Il servizio dei militari si incardina nell’ambito delle attività di controllo svolte nel periodo di emergenza sanitaria, d’intesa con il Ministro della Salute. I carabinieri hanno svolto specifiche verifiche sulla regolare conduzione di servizi sanitari di continuità assistenziale – comunemente conosciute come Guardie Mediche – caratterizzati dall’erogazione di prestazioni mediche e sanitarie in orari notturni/festivi.

Proprio al fine di valutare l’entità e la qualità sanitaria offerte dalle ASL ai cittadini nonché verificare i livelli di sicurezza a favore degli operatori sanitari, il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute ha realizzato un’ampia campagna di controllo mediante lo svolgimento di ispezioni, eseguite proprio nei giorni festivi e nell’arco notturno, presso 390 presidi pubblici di Continuità Assistenziale dislocati su tutto il territorio nazionale, dai grandi centri urbani fino alle piccole realtà e comunità locali.

Gli esiti complessivi hanno evidenziato criticità strutturali ed organizzative su 99 sedi ispezionate, determinando la denuncia di 19 persone all’Autorità giudiziaria e la segnalazione di 85 alle Autorità amministrative e sanitarie regionali. Destinatari dei provvedimenti sono stati i responsabili dei citati Servizi e dirigenti delle relative Aziende Sanitarie Locali nonchè personale medico / infermieristico ed operatori dislocati all’interno dei vari Servizi di Guardia Medica.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Avezzano, Fabiana Marianella nuovo assessore: «Un onore e una grande responsabilità»

Redazione IMN

Ad Avezzano il primo laureato via Skype

Antonio Santilli dottore in Economia Aziendale Internazionale
Redazione IMN

Domani il progetto ‘Piedibus’ verrà alla luce: presentazione in Comune, ad Avezzano: +verde, +città, +movimento

Redazione IMN