INFO MEDIA NEWS
NEWS SLIDE TV Sport

Naiadi, Liris: “Affidamento temporaneo complesso”

Soluzione 'ponte' con bando urgente per un anno

È stata approvata dalla giunta regionale la deliberazione circa l’atto di indirizzo per l’emanazione di un bando urgente sull’affidamento temporaneo della gestione del complesso sportivo Le Naiadi.

Dopo aver stanziato 100 mila euro nell’ultimo consiglio regionale del 21 luglio, ancorché nelle more della pubblicazione e promulgazione della correlata legge, la giunta, su impulso dell’assessore Guido Quintino Liris, ha evidenziato la necessità di una immediata riapertura dell’impianto natatorio pescarese.

La gestione prevista avrà la durata di un anno e sarà una soluzione ‘ponte’ in attesa della decisione finale circa l’affidamento pluriennale da decretare, dopo aver valutato anche l’ipotesi prospettata dal Comune di Pescara, circa il trasferimento della proprietà nella sua disponibilità.

Il compito di tale verifica, sinora mai disposta ma chiesta dall’intero consiglio comunale di Pescara, spetterà al dipartimento Risorse della Giunta regionale e all’esito, dopo aver istituito appositi tavoli istituzionali, si determinerà la migliore scelta sul destino delle Naiadi.

“I dipendenti verranno tutelati con apposita clausola sociale – rassicura Liris – le Naiadi devono tornare a brillare e la Regione Abruzzo non può permettersi di sbagliare nelle scelte strategiche pluriennali. Qualsiasi decisione dovrà essere ben ponderata ma intanto abbiamo il dovere di riaprire l’impianto e tornare a dare un servizio che la collettività ci chiede a gran voce. Gli ultimi due affidamenti del vecchio bando 2019 hanno dato negativi riscontri. Miglioreremo anche l’avviso per trovare un gestore che ci dia ed abbia le giuste garanzie”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Asd Pucetta, parola a Capitan Futuro: «Per noi ogni partita è una lotta, bene i fuoriquota»

Gioia Chiostri

Disturbi alimentari, Lorenzin: «Necessari centri di eccellenza in ogni regione del Paese»

Redazione IMN

All’Aquila la rivoluzione sul trattamento del morbo di Parkinson

Gioia Chiostri