INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Minaccia passanti con nunchaku: assolto

Un 58enne di Avezzano assolto per incapacità di intendere e volere

Minaccia i passanti, con un nunchaku, assolto per incapacità di intendere e di volere.
T.A., avezzanese di 58 anni, difeso dall’avvocato Mario Del Pretaro, è stato prosciolto oggi dall’ accusa di porto abusivo di armi dal Tribunale di Avezzano.

I fatti risalgono al giugno del 2018, quando alcuni passanti, allarmati, hanno avvisato le forze dell’ordine della presenza davanti al Bar Central, nel pieno centro di Avezzano e a pochi metri dal tribunale, di un uomo che brandiva un nunchaku, molestando i passanti. Si tratta di una tradizionale arma orientale costituita da due mazze unite da una catena. Due agenti della polizia locale, Antonio Saggio e Mirko Scognamiglio, con un tempestivo intervento, hanno bloccato l’uomo, disarmandolo. È seguito, quindi, il sequestro del nunchaku e la denuncia a piede libero a carico nostrano Bruce Lee.

Nel corso del processo l’uomo, già in cura al cim, è stato sottoposto a perizia per accertare se fosse capace di intendere e di volere all’epoca dei fatti. Il perito, lo psichiatra Vittorio sconci di L’Aquila, ha stabilito che l’uomo non era consapevole delle proprie azioni all’epoca dei fatti. Pertanto all’udienza di oggu, il Giudice Daria Lombardi ha prosciolto l’imputato, perché non imputabile. Non è stata disposta alcuna misura di sicurezza a carico dell’imputato poiché, sempre dalla perizia, è emerso che attualmente non è socialmente pericoloso

Altre notizie che potrebbero interessarti

Legge regionale sui cammini: si insedia la Commissione tecnica, Berardinetti: «Verso la qualifica di uno strumento prezioso»

Redazione IMN

Covid-19: oggi 26 nuovi casi in Abruzzo

Positivo anche bambino di 11 anni, 16 positivi in provincia dell'Aquila
Redazione IMN

Villa Alba di Canistro: i nonni, veri e propri libri viventi

Redazione IMN