INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Mancato rinnovo del Contratto Nazionale nel settore della moda, oggi si sciopera a Penne

Le Segreterie Nazionali di Filctem Femca Uiltec hanno proclamato lo sciopero di 8 ore per il mancato rinnovo del Contratto Nazionale per le aziende del Tessile e dell’Abbigliamento. «La trattativa, a distanza di 6 mesi dalla scadenza del CCNL, si è interrotta a causa della indisponibilità delle controparti a rivedere le modalità di individuazione ed erogazione degli incrementi salariali e per le richieste di riduzione dei diritti e il ruolo negoziale delle Organizzazioni Sindacali territoriali e delle R.S.U.» denunciano le sigle sindacali.

«L’associazione datoriale – continuano i sindacati – vuole espressamente ridurre il potere della contrattazione aziendale, inserendo nel contratto nazionale la disciplina in materia di organizzazione del lavoro. Per filctem-cgil femca-cisl uiltec-uil la contrattazione aziendale e territoriale resta il fulcro del confronto sui temi legati alla produttività. Il CCNL deve continuare ad essere uno strumento agile ed utile a lavoratrici/lavoratori ed imprese per disegnare congiuntamente modelli organizzativi flessibili ed efficaci in un settore così complesso». Le imprese del mondo tessile denunciano i sindacati «non vogliono sottoscrivere un CCNL che risolva i problemi e affronti le difficoltà».

Per questo il 21 novembre i lavoratori del settore tessile e dell’abbigliamento dell’Abruzzo si ritroveranno a Penne per uno sciopero di 8 ore con una manifestazione regionale alla quale parteciperà, in rappresentanza delle tre sigle sindacali, il Segretario nazionale della Femca Cisl, Mario Siviero. «Lo sciopero non si fermerà a Penne – aggiungono i sindacati – ma continuerà con una manifestazione nazionale, perché dopo anni di lavoro condiviso non si possono negare i diritti per garantire competitività alle aziende trascurando l’importante discussione sull’industria 4.0 che attraversa, da nord a sud, il Paese. Nonostante la volontà, più volte espressa, dalle Organizzazioni Sindacali ad affrontare le problematiche hanno preso atto che l’Associazione Datoriale, SMI Sistema Moda Italia, sembra interessata esclusivamente a ridurre diritti e salari attraverso l’affermazione di un nuovo modello contrattuale. Questa posizione ha costretto le Segreterie nazionali e la Delegazione Trattante alla rottura del Tavolo Negoziale e l’organizzazione di una capillare campagna di assemblee informative in tutte le aziende del comprato tessile».

Dopo oltre 20 anni il settore moda torna allo sciopero. Per Filctem-Femca-Uiltec «è irrinunciabile il ruolo regolatore e l’autorevolezza salariale del contratto nazionale – e si impegnano – a mettere in campo tutte le iniziative sindacali e mediatiche utili alla ripresa e alla positiva conclusione del confronto».

Fonte AGI

Foto di: Libertas

Altre notizie che potrebbero interessarti

Semilibertà per due detenuti, avevano soccorso agente

L’episodio avvenne nel giugno 2018 all’interno del carcere di Sulmona
Redazione IMN

Emma Pomilio presenta il suo ultimo libro

Al Mondadori Bookstore di Avezzano la presentazione de "I Tarquini"
Redazione IMN

Avezzano, demolita l’ultima casetta asismica: la destinazione della nuova area sarà decisa dalla sua gente

Redazione IMN