INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

L’Univaq ricomincia in presenza il 5 ottobre

Verranno rispettati tutti i vigenti protocolli di sicurezza.

Il prossimo 5 ottobre l’Università degli Studi dell’Aquila darà inizio all’anno accademico 2020/21 con didattica in presenza per tutti i corsi per cui sarà possibile, tenuto conto delle vigenti limitazioni alla capienza delle aule e con priorità per le lezioni dei primi anni di corso.

La didattica in presenza sarà erogata nel rispetto dei vigenti protocolli di sicurezza e con l’ausilio di una app che presto potrà essere scaricata sia in versione Android che iOS.

Per i corsi per i quali non sarà possibile assicurare la didattica in presenza, le lezioni saranno erogate a distanza sulla piattaforma Teams, in modalità sincrona o asincrona, a seconda della specificità didattica dei singoli insegnamenti.

Informazioni di dettaglio saranno a breve disponibili sulle pagine web dei singoli Dipartimenti.
Per gli studenti con certificata fragilità (personale o di stretti congiunti conviventi), per gli studenti stranieri in attesa di visto o per quelli che dovessero subire impedimenti documentati della mobilità a causa dell’emergenza pandemica, sarà in ogni caso garantita la didattica a distanza.

“Stiamo inoltre lavorando – conclude il Rettore, Alesse – per fornire ulteriori misure di supporto alla didattica, sempre attraverso la piattaforma teams e l’acquisto di presidi informatici per gli studenti che ne avessero bisogno. Si invitano infine gli studenti a perfezionare le procedure di iscrizione e di immatricolazione in modo da poter usufruire dei servizi dell’Ateneo”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Pettinari: “Biglietterie Tua chiuse, disagi cittadini”

Consigliere regionale: "È critica la situazione per gli utenti della Tua che lamentano numerosi ...
Redazione IMN

Il Decreto Sisma è legge: via libera dal Senato

Il provvedimento prevede l'accelerazione della ricostruzione nei paesi terremotati
Redazione IMN

Il Mercato di Campagna Amica di Teramo protagonista nella notte dei Licei

Redazione IMN